Domenica stop alle auto

La prossima sarà una “domenica a piedi”, secondo quanto ha deciso la Giunta comunale braidese nei giorni scorsi.

Sindaco e assessori non si nascondono che questo tipo di provvedimenti ha scarsi effetti sulla qualità dell’aria – che come sempre in questo periodo dell’anno risulta peggiorata dalla presenza di alte concentrazioni di polveri fini –maintendono lanciare un segnale per richiamare l’attenzione dei cittadini sulla necessità di ridurre l’uso dell’auto, privilegiando spostamenti a piedi o in bicicletta.

«Stiamo valutando un calendario di sospensione del traffico, in settori della città e con cadenza una volta al mese, soprattutto in concomitanza di manifestazioni», spiega il sindaco Bruna Sibille. «L’intento è quello di rendere più vivibili vie e piazze, riservandole a pedoni e ciclisti, e invitare i braidesi a riflettere sulla possibilità di una mobilità alternativa e meno inquinante».

Iniziative che, come dimostrano i dati delle grandi città dove sono stati operati i blocchi, hanno poco o nullo effetto sulle polveri sottili. «I valori dell’aria braidese», aggiunge il sindaco Bruna Sibille, «corrispondono a quelli mediamente rilevati nella pianura padana. Interventi sono necessari, ma vanno adottati su vasta scala e coordinati dagli enti superiori. Per questo motivo nei giorni scorsi ho scritto agli assessori provinciale e regionale all’ambiente perché prendano provvedimenti e promuovano iniziative a livello di ampie aree o regionali».

Domenica in bici

Meglio in bici: un gruppo di amministratori comunali braidesi, capeggiati dal sindaco Bruna Sibille,
ritratti con le due ruote non inquinanti (foto di Luciano Cravero).

Domenica 27 febbraio, in contemporanea con la gara podistica Nove miglia di Bra, si terrà quindi la prima domenica a piedi del 2011. La chiusura al traffico è prevista dalle 9 alle 18, nell’area compresa tra la circonvallazione interna e l’area collinare. Intanto nei giorni scorsi il Comune di Bra ha aderito alla campagna M’illumino di meno della trasmissione Caterpillar di Radiodue, dedicata al risparmio dell’energia elettrica. Il sindaco Sibille promette però che non resterà un evento isolato: «È nostra intenzione puntare a una riduzione del consumo elettrico per l’illuminazione pubblica. Per questo prossimamente studieremo con i tecnici della Ripartizione lavori pubblici gli interventi che è possibile attuare per il risparmio di elettricità, maanche nel riscaldamento degli edifici comunali».

Diego Lanzardo

Banner Gazzetta d'Alba