Nove chef stellati per il Festival di Alba

Festival della cucina

È giunto il momento del tanto atteso Festival della cucina promosso dall’associazione Go wine. La rassegna, in un primo momento organizzata per il 30 aprile nell’ambito della Primavera della cultura del gusto e del vino e rimandata per l’inclemenza del tempo, domenica 8 luglio, dalle 18.30 in piazza del Duomo ad Alba proporrà nove chef stellati del territorio delle Langhe e del Roero. Un incontro con il pubblico appassionato di buon cibo in un esclusivo appuntamento giunto alla quinta edizione.

La novità di quest’anno è il fatto che i cuochi si presenteranno tutti insieme, ciascuno con un piatto, per proporre un grande menù d’autore di 9 portate e creare così un momento di festa per il gusto e di convivialità nello scenario della piazza cuore di Alba per l’occasione.

Festival della cucina

Ideato dall’associazione Go wine, il Festival nasce e si conferma per portare sotto i riflettori il valore della grande cucina tipica delle nostre zone: da un rapporto di decenni legato alla tradizione, si è arrivati ai risultati di oggi e agli importanti riconoscimenti che sono stati attribuiti dai principali critici e dalle guide di settore.

Vi è una concentrazione di chef stellati che negli ultimi anni è stata accresciuta da altre cinque nomination. Per tale ragione le Langhe e il Roero costituiscono insieme una delle capitali internazionali della ristorazione d’eccellenza, con numeri paragonabili a zone come Bilbao in Spagna o la costa amalfitana.

«La formula del Festival», dice Massimo Corrado, presidente di Go winesi aggiorna grazie alla volontà degli chef di creare un grande appuntamento per il loro territorio. È il desiderio di fare squadra e di creare un momento esclusivo che unisca al piacere della degustazione dei piatti anche un clima di festa e forte partecipazione da parte del pubblico».

Grande cucina, ma anche grandi vini: una selezione di grandi firme del territorio sarà allestita da Go wine con la degustazione delle principali denominazioni. Il pubblico potrà accedere all’area allestita di piazza del Duomo per degustare liberamente i piatti e scegliere i vini abbinati.

Nel corso della serata non mancheranno intrattenimenti musicali, mentre ospiti speciali saranno presenti in piazza.

I partner della rassegna

A fianco dei maestri della cucina non mancheranno altri spunti: Arbiora, importante selezionatrice di formaggi, legata storicamente alla Robiola di Roccaverano, presenterà degustazioni di formaggi tipici; al suo fianco le torte di nocciola di Francesetti, artigiano di Cortemilia e punto di riferimento di questa produzione. E poi le grappe della Distilleria Sibona, i brindisi con il Consorzio di tutela dell’Asti, il caffè Illy.

Maurizio Bongioanni

Per partecipare Informazioni

La quota di partecipazione è di 40 euro e dà diritto alla degustazione libera dei nove piatti del menù e della selezione di oltre sessanta grandi vini della Enoteca. È consigliata la prenotazione, contattando la sede di Go wine (in via Vida 6, Alba) al numero di telefono 0173- 36.46.31 (Silvia Pezzuto). È anche possibile scrivere un messaggio di posta elettronica all’indirizzo stampa.eventi@gowinet.it o compilare il coupon scaricabile dal sito Internet www.gowinet.it.

Le creazioni dei maestri del gusto per la rassegna

Di seguito vengono presentati gli chef protagonisti e il menù.

Antipasti
Alessandro Boglione del ristorante
Al castello di Grinzane, Grinzane Cavour
Tonno di coniglio con pane alta Langa
Masayuki Kondo del ristorante Locanda del pilone di Alba
Lingua di vitello con salsa giardiniera

Primi
Enrico Crippa del ristorante Piazza Duomo, Alba
Risotto al Castelmagno con salsa al Barolo
Maurilio Garola del ristorante La ciau del tornavento, Treiso
Ravioli del plin di seiras cotto nel fieno maggengo
Elide Mollo del ristorante il Centro, Priocca
Tajarin alle verdure e basilico

Secondi
Damiano Nigro del ristorante Villa d’Amelia, Benevello
Guancia con purea di sedano rapa
Davide Palluda del ristorante All’Enoteca, Canale
Costata di vitello, midollo, pinoli, cipolle caramellate e zucchine trombette

Dolci
Ugo Alciati del ristorante Guido di Pollenzo.
Pesche, amaretti e cioccolato
Chen Shiqin del ristorante La Rei, Serralunga
Stracciatella al cioccolato bianco e albicocca.

Il sostegno dell’assessore Paola Farinetti e Luigi Barbero

La rassegna ha il sostegno del Comune di Alba e dell’ente turismo Alba, Bra, Langhe e Roero.   «Siamo un territorio baciato dalla bellezza e dalle stelle della cucina, entrambe a densità altissima. Sono lieta che il Festival della cucina si possa regolarmente svolgere dopo il rinvio a causa del maltempo», dice l’assessore alla cultura e turismo del Comune di Alba Paola Farinetti.

«È l’occasione per noi per ribadire la nostra attenzione verso la grande cucina del territorio, ma anche verso la sua vasta fruibilità. Per il pubblico, infatti, vi sarà la possibilità di avvicinarsi in modo informale e più diretto ai grandi piatti della tradizione rivisitati dalle filosofie innovative, ma con i piedi ben piantati per terra, dei nove chef stellati. Per giunta in una piazza bellissima della nostra città, cosa che non guasta».

Interviene anche il presidente dell’Ente turismo, Luigi Barbero: «Da sempre siamo impegnati nella promozione dell’enogastronomia del territorio. Si tratta di un punto di forza della nostra proposta turistica e, come in passato, sosteniamo questo evento per il richiamo che potrà avere».

ma.bo.

Le aziende che parteciperanno alla “Carta dei vini”

Nell’ambito del Festival della cucina i vini del territorio non potevano che svolgere un ruolo da protagonisti: importanti aziende di Langa e Roero, con alcuni ospiti dal Monferrato, hanno raccolto l’invito di Go wine a essere presenti a far festa in piazza con gli chef stellati.
Sono oltre quaranta le cantine coinvolte in questa selezione, ognuna delle quali presenterà due etichette in degustazione da abbinare ai piatti del menù. Dall’associazione organizzatrice tengono a sottolineare che molti dei produttori aderenti saranno presenti alla cena.
Ecco le aziende che firmano la Carta dei vini del Festival della cucina: Anna Maria Abbona, Marziano Abbona, Marco e Vittorio Adriano, Giovanni Almondo, Fratelli Barale, Enzo Boglietti, Boroli, Burlotto Comm. G.B., Ca d’Gal, Cascina Chicco, Cascina del Monastero, Cascina Mucci, Caudrina, Cavallotto, Michele Chiarlo, Damilano, Eredi Lodali, Francone, Franco M. Martinetti, Bruna Grimaldi, La Morandina, Le Strette, Malvirà, Marchesi di Barolo, Moccagatta, Negro Angelo & figli, Oddero Poderi e Cantine, Armando Parusso, Pecchenino, Elio Perrone, Pio Cesare, Poderi Moretti, Prunotto, Rabajà-Bruno Rocca, Tenuta San Mauro, Terre da vino, Cascina Val del Prete, Roberto Voerzio. E dal Monferrato: Braida, Cascina Castlet, Montalbera.

Banner Gazzetta d'Alba