Serve il by-pass veloce

CHERASCO Dopo il raccordo, da realizzarsi nel territorio comunale di Cherasco, tra la tangenziale di Bra e le due autostrade si parla ora di un by-pass veloce proprio tra queste ultime due, la Torino-Savona e l’Asti-Cuneo, per un importo di quattordici milioni di euro.
L’assessore alla viabilità Carlo Davico ha partecipato a un incontro svoltosi in municipio con i tecnici della società Autostrada Torino-Savona: «Il progetto di massima illustratoci è quello di creare una nuova intersezione tra le due autostrade, con la realizzazione di corsie dotate di un raggio di curvatura tale da permettere il transito dei veicoli dagli attuali quaranta agli ottanta chilometri orari». La barriera del casello verrebbe così spostata più in prossimità della rotonda, lungo la provinciale 662, al bivio con frazione Veglia.

La nuova opera avrà delle ineluttabili ricadute sulla viabilità locale: il ponte che scavalca la Torino-Savona, posizionato lungo la strada per Savigliano (all’altezza dell’hotel Holiday Inn), sarà spostato e ampliato, come anche quello che collega l’abitato di Cappellazzo con la zona artigianale. Gli allargamenti stradali comporteranno maggiori potenziali rischi legati al traffico viario, in particolare l’accesso da Cappellazzo sulla provinciale. «Ho richiesto quale opera necessaria il rifacimento di questo incrocio», aggiunge Davico, «anche prevedendo una rotatoria. La società concessionaria si è resa disponibile a valutare l’intervento in sede di conferenza di servizi».

Se questa opera è ormai quasi una certezza, appare quasi fantasiosa la creazione di un nuovo casello in località cascina Giardina, richiesto da un gruppo di Comuni, tra cui Savigliano e Marene, per avere un’accessibilità più diretta e veloce: il progetto ipotizzato, dalle cifre faraoniche, prevede anche l’ampliamento del collegamento stradale tra le due località.

Allargando la panoramica sulla viabilità locale, qualche intoppo lo registra invece l’allargamento, sempre della provinciale 662, in località Bergoglio: su indicazione della Provincia, responsabile dei lavori, si era prevista l’estate come periodo di esecuzione, ma il termine pare sia slittato a fine anno o addirittura ai primi mesi del 2013.

Anche per diverse strade comunali ci sarà un maquillage, ma in tempi molto più brevi: la ditta Selva Mercurio di Como si è aggiudicata lavori d’asfaltatura per un importo di circa 190 mila euro, già da avviarsi entro l’estate. Si tratta delle strade Picchi-San Lorenzo, San Giovanni-Sant’Antonino, Corno, Meane, Mantoetto e vecchia di San Bartolomeo, più via Fossano a Bricco e alcune arterie interne nelle frazioni Cappellazzo e Roreto. Interessante il dato della partecipazione alla gara d’appalto con ben cinquantadue ditte, sintomo di una crisi perdurante.

Cristiano Lanzardo

Banner Gazzetta d'Alba