Si celebrano i 50 anni della telefonata via satellite Telstar

Grande emozione alla cerimonia per il  cinquantenario dalla prima storica telefonata via satellite Telstar tra il sindaco di Alba Osvaldo Cagnasso e il sindaco John Snider della città gemella Medford (Oregon, Usa) giovedì 26 luglio nella sala consiliare del palazzo comunale di Alba.

La posizione di Medford.

«Una telefonata – ha dichiarato il sindaco di Alba Maurizio Marello – che ha aperto un gemellaggio straordinario per la nostra città non solo perché ci lega a una realtà molto più grande ma perché ha costruito relazioni umane e amicizie profondissime di generazione in generazione».

La cerimonia, si è aperta  con gli inni nazionali, prima quello americano e poi quello italiano. «In questo quadro d’incertezze che stiamo vivendo – ha affermato Marello –  per certi aspetti paragonabile all’incertezza con cui il paese uscì dalla seconda guerra mondiale, sono soprattutto le relazioni che ci danno forza e ci fanno sentire meno soli. Il valore della  fratellanza, il valore che dobbiamo praticare in questo tempo».

In tanti hanno assistito all’evento con diversi interventi prima del  momento più atteso: la videochiamata via Skype tra il sindaco Marello e il sindaco di Medford Gary Wheeler.  Alle 19 (quando a Medford erano le 10) un lungo applauso ha accolto virtualmente in sala il sindaco della città americana  apparso in video accanto al figlio del sindaco Snider, Doug, e al presidente del Comitato Medford–Alba Brent Barry. Marello ha salutato i tre interlocutori ricordando il viaggio nella città dell’Oregon di due anni prima per i cinquant’anni di nascita del gemellaggio.

In dialogo con Wheeler, il sindaco della capitale delle Langhe ha parlato di Alba–Medford come «modello di gemellaggio. A distanza di 50 anni perdura, continua e produce frutti. Mentre noi pronunciamo parole così belle, i nostri concittadini si scambiano visite, doni, amicizia. È un gemellaggio che ha inciso parecchio anche sulla mentalità di molte persone».

Dall’altra parte del video Gary Wheeler ha  proposto al sindaco Marello la possibilità di ampliare le occasioni di scambio tra le due città per un maggiore arricchimento culturale e professionale.

Tra gli altri, alla cerimonia sono intervenuti l’assessore ai Gemellaggi Olindo Cervella, il vice console Usa a Milano Matthew Zamary, vice console di Genova Annamaria Saiano, il presidente del Comitato Alba–Medford Giorgio Sordo, il primo visitatore di Alba a Medford Pino Dutto, il vice sindaco di Osvaldo Cagnasso, Ettore Paganelli, il professor Mario Pent del Politecnico di Torino. Presente tra il pubblico anche il figlio del sindaco Cagnasso, Renato.

[nggallery id=”53″]

Banner Gazzetta d'Alba