Al via Il principe ranocchio

CANALE Si chiamerà Il principe ranocchio il nuovo centro diurno della cooperativa sociale Alice. Il nome nasce dalla ricerca effettuata con il primo gruppo di ospiti, partendo dalla tradizione popolare canalese che ricorda la leggenda del Babi ’d Canal, coniugandola poi con una visione più fiabesca dei personaggi. Un’interpretazione che mette al centro l’individuo nella sua completezza, permettendo di approcciarsi all’altro, senza focalizzarsi sui limiti ma sulle qualità che ognuno possiede.

Una prima presentazione del centro canalese si era già svolta per le famiglie degli ospiti ma il taglio del nastro alla presenza della cittadinanza sarà sabato 6 ottobre. Il centro ha avviato l’accoglienza di persone diversamente abili già a febbraio. Attualmente accedono alla struttura sette ragazzi, un altro si aggiungerà a ottobre. Punti di forza del centro sono i progetti individualizzati per ogni ospite, i corsi in piscina a Sommariva Perno, i laboratori (informatica, bricolage, giardinaggio e ceramica) e le attività gestite in collaborazione con le altre due strutture della cooperativa Alice, Rosaspina e Il coccio e la tela: dal canto, alla preparazione di oggetti da mettere in vendita nella bottega di Alba e alla realizzazione del giornalino interno, che, in occasione dell’inaugurazione, sarà diffuso tra i partecipanti, in una “edizione speciale”. Il centro di Canale gestisce anche il progetto break: una volta alla settimana i ragazzi si occupano del rifornimento del distributore automatico di snack presso il Liceo scientifico di Alba. «Siamo sempre alla ricerca di volontari per compiti vari: dal seguire i ragazzi nelle attività, ai trasporti o all’aiuto per la gestione quotidiana del centro», spiega il referente canalese, Cristiano Arnaldo. Le famiglie paiono molto soddisfatte. La mamma di una ospite, infatti, afferma: «Gli educatori sono molto gentili, disponibili e preparati; l’ambiente è sereno e familiare. Oltre alle attività in sede, i ragazzi sono coinvolti anche in numerose passeggiate; hanno visitato il Comune e la casa di riposo e sono andati a fare la spesa. Mia figlia, quando arriva a casa, è serena e ama raccontare come trascorre la giornata al centro». L’appuntamento è alle 9.30, in via Ternavasio 5. Il taglio del nastro e la visita ai locali saranno alle 11. Al termine, aperitivo e rinfresco a cura del progetto Break, dell’area disabilità della cooperativa Alice.

e.c.

Banner Gazzetta d'Alba