Cortemilia assegna il tricolore di enduro

Appuntamento da cerchiare in rosso per gli appassionati di moto. Domenica 7 ottobre, a Cortemilia, verrà assegnato il titolo italiano del campionato di enduro, come già accaduto tre anni fa. Il via alle gare, organizzate dal Moto club “Cento torri” di Alba, verrà dato alle 8.30, dalla capitale della nocciola, dove i concorrenti partiranno per affrontare i quattro giri di un percorso che, in totale, misura circa 50 chilometri.
Ogni giro sarà caratterizzato da tre prove speciali: una prova in linea “enduro test”, un’altra in un fettucciato predisposto a Levice in un appezzamento di oltre 29 giornate e, in ultimo, la “Fossa delle nocciole”, prova estrema che presenterà ostacoli naturali e artificiali. A darsi battaglia tra le colline della Valle Bormida saranno i migliori atleti dell’enduro nazionale e internazionale, che cercheranno di portarsi a casa gli ultimi titoli del Campionato italiano assoluti partito lo scorso aprile in Basilicata e la Coppa Italia.


La sfida più accesa sarà quella per il titolo assoluto che avrà per protagonisti Simone Albergoni e Thomas Oldrati, divisi solo da un punto. Terzo incomodo potrebbe essere l’ex atleta di motocross Alex Salvini, attualmente terzo. Salvini sarà tra i favoriti anche nella classe E2, nella quale dovrà vedersela con Fabio Mossini e Jonathan Manzi, quest’ultimo vincitore nel 2011 del titolo mondiale Youth cup 125 2t. Si prospetta entusiasmante anche la gara per il titolo della classe E3, dove si daranno battaglia Mirko Gritti, Andrea Belotti e il neo campione europeo Maurizio Micheluz.
La manifestazione cortemiliese vedrà anche la partecipazione di diversi motociclisti stranieri, tra cui due finlandesi, un belga, un estone e un francese. Infine, verrà assegnato il titolo al miglior club d’Italia: in lizza ci sono le Fiamme oro, che guidano il campionato, il motoclub Trial David Fornaroli e il Lumezzane.
«Le gare di enduro sono competizioni motoristiche di regolarità che si svolgono su percorsi di vario tipo, aperti al traffico, con medie e tempi di impiego prefissati nel rispetto delle norme del codice della strada», hanno dichiarato i responsabili del motoclub Cento torri di Alba, aggiungendo: «Questa disciplina si è sviluppata molto negli ultimi anni, riuscendosi affermare sia a livello nazionale che internazionale. Dunque, ospitare l’ultima tappa della più importante rassegna nazionale ci riempie d’orgoglio. La Federazione motociclistica italiana ha voluto premiare il nostro sodalizio in seguito ai successi ottenuti organizzando per diversi anni le prove di Campionato italiano enduro e di regolarità d’epoca Gr5 e varie sessioni della Scuola di avviamento all’enduro».

Enrico Fonte

Banner Gazzetta d'Alba