La Passione rivive a Macellai

POCAPAGLIA. Domani, Venerdì Santo, la frazione Macellai per poche ore si trasformerà in Gerusalemme e ospiterà la scena più struggente della tradizione religiosa cristiana, quella che si svolge sul Golgota.
Il doloroso cammino di Cristo prenderà il via dalla piazza parrocchiale, secondo un copione fedele ai dettami storici e religiosi. Sette le tappe: l’ultima cena, il processo, il tradimento, l’uomo dei dolori, il pentimento, la crocifissione e la risurrezione, di ognuna delle quali i volontari hanno cercato di cogliere e rappresentare il senso profondo.
Venerdì Santo, 29 marzo dalle 21, sarà messa di nuovo in in scena la Passione vivente. Questa nuova edizione curata dal parroco don Mauro e dalla comunità ecclesiale della Beata Vergine del buon consiglio – la 27ª della sacra rappresentazione pocapagliese – proporrà classiche scenografie ed episodi recitativi. Diversi i figuranti coinvolti e molti i volontari, che, nelle settimane scorse, hanno allestito le ambientazioni e, indossate le vesti di falegnami, sarti, soldati e pastori, si sono impegnati in numerossisime prove.
La Passione vivente di Macellai si snoderà attraverso l’abitato, toccando la statale 231 Alba-Bra, via Valentino Nuovo e strada del Roero e dalla piazza parrocchiale si raggiungerà un colle, dove si potrà assistere alla crocifissione.
Fulvio Lovisolo

Banner Gazzetta d'Alba