Da tutto il mondo per studiare i peperoni

CARMAGNOLA Peperoni e melanzane, provenienti da diversi angoli del pianeta, sono stati coltivati in una serra dell’azienda agricola di Susanna Ghirardo, titolare anche dell’agriturismo La cà veja, con le cure di Maurilio Pagliero. L’iniziativa è partita dal gruppo di Genetica agraria del Disafa (Dipartimento di Scienze agrarie, forestali e alimentari) dell’Università di Torino, in occasione dell’organizzazione, da parte del prof. Sergio Lanteri, di un convegno internazionale sulla genetica ed il miglioramento genetico delle Solanacee, una famiglia botanica che comprende specie di grande interesse economico ed alimentare quali pomodoro, patata, peperone e melanzana. In occasione del convegno, incentrato soprattutto su peperone e melanzana,  è stato allestito un campo dimostrativo dove sono state coltivati materiali forniti da ditte sementiere, le varietà di peperone tipicamente coltivate nel carmagnolese e varietà locali e specie selvatiche che sono state reperite in molti paesi del mondo. In particolare sono state messe in coltivazione un ampio numero di tipologie di peperone piccante reperite in centro e sud America, luogo di origine della specie, ed un ampio numero di tipologie di melanzane reperite in Asia (India, Indonesia, Cina, Giappone, Vietnam  ecc) , luoghi in cui è stata iniziata la coltivazione della specie.  Come è noto le varietà di peperone oggi coltivate sono il frutto di selezioni ed incroci effettuati dall’uomo per migliorarne la resa,  le caratteristiche organolettiche e  la resistenza nei confronti di patogeni , e che hanno ad esempio consentito di ottenere i peperoni non piccanti che arrivano sulle nostre tavole. Nei giorni dalla Sagra del peperone,  le circa 200 persone provenienti  da 33 paesi europei ed extraeuropei, che partecipavano al Convegno internazionale hanno visitato la serra Ghirardo-Pagliero, ed hanno colto l’occasione per visitare la Sagra e la città. La delegazione è stata anche accolta con grande calore in Comune da alcuni rappresentanti della Giunta e dal sindaco  Silvia Testa.

m.b.

Banner Gazzetta d'Alba