22 milioni per le scuole piemontesi

TORINO Nuova boccata d’ossigeno per la messa in sicurezza delle scuole piemontesi: via libera, infatti, a più di 90 interventi su tutto il territorio regionale con un contributo complessivo di 22 milioni di euro, 12,7 stanziati dalla Regione sul Parco progetti del Piano straordinario per l’edilizia scolastica e altri 9 milioni destinati al Piemonte dal decreto del Fare.

«Nei giorni scorsi la Giunta regionale ha liberato le spese degli enti locali piemontesi per la sicurezza scolastica, bloccate fino a oggi dai vincoli del Patto di stabilità – sottolineano il presidente della Regione, Roberto Cota, e l’assessore all’Istruzione Alberto Cirio – Un tipo di intervento che le Regioni chiedono allo Stato da tempo, senza aver mai ottenuto una risposta concreta. Adesso con queste risorse arriva un’altra importante boccata d’ossigeno, che servirà ad avviare i cantieri per 8 nuove scuole e a metterne in sicurezza più di 90 su tutto il territorio regionale».

Attraverso il Parco progetti della Regione saranno finanziati in tutto 62 progetti, di cui 8 nuove costruzioni (una nell’astigiano a Baldichieri d’Asti, quattro nel cuneese a Polonghera, Cherasco, Bagnolo Piemonte e Trinità, una nel novarese a Dormelletto e due nel torinese a San Maurizio Canavese e Scalenghe) e altri 54 interventi di messa in sicurezza su scuole già esistenti. Ulteriori 28 progetti saranno finanziati invece con le risorse del decreto del Fare. Al cuneese andranno 6 milioni di euro per 21 progetti, 16 dei quali (4,2 milioni di euro) finanziati con il Parco progetti della Regione e 5 (1,8 milioni di euro) con il decreto del Fare.

Banner Gazzetta d'Alba