Opere d’arte di nuovo a casa

GUARENE Tornano nella chiesa dell’Annunziata, gioiello barocco settecentesco, riaperto al pubblico nel dicembre scorso, le tele restaurate di Michele Antonio Milocco risalenti agli anni Quaranta del Settecento. Tre grandi oli su tela posti sui tre altari della chiesa guarenese. Il più grande, raffigurante l’Annunciazione, è stato restaurato in loco a causa delle dimensioni imponenti (2×4,5 metri) che ne hanno reso difficoltoso il trasporto. Gli altri due di dimensioni leggermente inferiori (2×3,5 metri) raffiguranti rispettivamente la crocifissione e santa Elisabetta regina di Ungheria, sono stati restaurati dallo studio Rava di Torino che si era già occupato del restauro delle due pale del Moncalvo datate 1585: l’Annunciazione e il San Michele.


Pittore di corte, particolarmente apprezzato dalla famiglia Savoia, il Milocco, oltre a realizzare i tre quadri, affrescò buona parte della cupola dell’Annunziata fra il 1738 e il 1752, lavori che alternò con i numerosi impegni nel capoluogo sabaudo (nella palazzina di caccia di Stupinigi e a palazzo reale) e ad Asti.

«È con grande orgoglio che ricollochiamo questi tre capolavori di uno dei maggiori pittori piemontesi in quello scrigno di tesori che è la chiesa della Santissima Annunziata, riaperta dopo quasi venti anni di lavori», spiega il vicesindaco e assessore al turismo Piero Rivetti, che aggiunge: «Un ringraziamento doveroso va all’ex presidente della Provincia Giovanni Quaglia e alla fondazione Crt che ha finanziato totalmente l’opera di restauro delle tre tele, realizzato con la consueta maestria dallo studio Rava in meno di due mesi».

«I tre quadri non erano mai stati restaurati e necessitavano di un tempestivo intervento per non disperdere il loro grande valore artistico. La maggior criticità si presentava sulla crocifissione, che presentava un grosso buco creato dai pipistrelli che avevano nidificato dietro il quadro», precisa l’amministratore guarenese che ha seguito passo a passo tutte le fasi del restauro. «Con la ricollocazione delle tele del Milocco si concludono i lavori di restauro della chiesa. Come assessore al turismo sono fiero di quanto fatto nei cinque anni dell’amministrazione di Franco Artusio per restituire ai guarenesi questo straordinario scrigno di bellezza che rappresenta qualcosa di unico nelle Langhe e nel Roero».
Marcello Pasquero

Banner Gazzetta d'Alba