Neive promuove il dialogo sostenibile tra città e campagna

neive incontro citta campagnaNEIVE Nell’ambito della manifestazione “Neive, vino e…” si è svolto un incontro sul tema “Città e campagna: un dialogo sostenibile”, organizzato dalla Bottega dei quattro vini di Neive. A moderare gli interventi il professor Attilio Giacosa, consigliere comunale, recentemente nominato a far parte del comitato scientifico del “Consorzio delle eccellenze d’Italia”, progetto promosso dal club “I borghi più belli d’Italia”, di cui Neive fa parte. Il consorzio ha l’obiettivo di promuovere le eccellenze dei piccoli Comuni e le attività scientifiche sono rivolte all’individuazione di queste eccellenze.

La scrittrice Elena Pugliese ha invitato a realizzare un progetto di audioguida di Neive, un racconto fatto dai neivesi da proporre ai turisti, per far meglio conoscere il luogo che stanno frequentando. Un’altra interessante testimonianza è arrivata dall’associazione Libertarea Torino, sugli ecovillaggi, come la “Casa del sole”, in fase di realizzazione, in Val Germanasca, dove è stato acquistato un intero borgo abbandonato. Grazia Isoardi, ha presentato un video, ideato nell’ambito del progetto Festival delle cascine, una serie di documentari realizzati sulla vita in cascina, alla cui proiezione vengono invitati gli abitanti delle città allo scopo di legare la città alla campagna.
Di matrice tecnico-culturale, l’intervento della professoressa dell’Università di scienze agrarie di Torino, Silvia Guidoni, che ha affermato: «Cultura in agricoltura vuol dire formare dei tecnici, nuove generazioni che abbiano conoscenze specifiche». La professoressa ha messo in guardia nei confronti di un certo tipo di comunicazione mediatica, che negli ultimi anni racconta l’agricoltura in una visione un po’ “romantica”, dandone una percezione a volte sfalsata. «È necessario parlare di agricoltura, comunicando dati reali, perché è un settore che deve portare un reddito sostenibile a chi produce», ha affermato.

si.fe.

Banner Gazzetta d'Alba