La scuola della Moretta resta il grande cantiere

progetto scuola media moretta-2

ALBA.  Se la scuola media nel quartiere Moretta resta il “grande cantiere” (non consideriamo il Piano particolareggiato di Mussotto visto che, a differenza del fabbricato scolastico, non dispone, al momento, della liquidità necessaria per partire), l’Amministrazione di Maurizio Marello ha accordato la priorità a «manutenzioni e interventi volti a migliorare la fruibilità e la vivibilità della città, definiti tenendo conto anche delle segnalazioni dei comitati di quartiere», come ha sottolineato l’assessore alle opere pubbliche Alberto Gatto. Per il 2015 sono programmati nuovi marciapiedi in corso Cortemilia (300 mila euro) e la sistemazione di quelli di via Romita (140 mila) e via Dario Scaglione (100 mila), il miglioramento di via Alfieri (150 mila), l’abbellimento di piazza Duomo (200 mila euro il prossimo anno e 240 mila nel 2017) e la riqualificazione delle aree verdi e ludiche (80 mila), a partire dall’appezzamento ai “Tetti blu”, acquisito dal Comune in comodato.
 IN AGENDA
Nell’agenda del prossimo anno vi è anche il ripristino dei fondi stradali, la predisposizione di nuove aree parcheggio (100 mila euro), l’installazione di punti luce (50 mila) e il potenziamento della rete di piste ciclabili (50 mila). Attenzione pure per il patrimonio comunale (155 mila euro; si prevede il rifacimento della copertura della parte dell’ex mattatoio che ospitava le associazioni), per gli impianti sportivi (100 mila euro più i 50 mila della fondazione Crc per la copertura della pista di pattinaggio del Gs Santa Margherita), per l’edilizia scolastica (220 mila euro per interventi straordinari, oltre alla riqualificazione della Sacco con i 500 mila euro stanziati dallo Stato) e per l’assetto idrogeologico (60 mila euro per la manutenzione straordinaria dei torrenti). Negli anni successivi spiccano la messa a punto dei marciapiedi di frazione Racca (nel 2016 con 100 mila euro) e la sistemazione di corso Italia (200 mila euro nel 2017).

 BILANCIO 2015
Il Patto di stabilità dovrebbe farsi meno pesante, ma aumentano i tagli ai trasferimenti statali. La spesa corrente andrà infatti ridotta di 340 mila euro. Con queste incertezze – e quelle legate alle società partecipate e alle imposte locali che potrebbero essere revisionate dallo Stato – la maggioranza è al lavoro per definire il bilancio di previsione 2015, che la squadra di Maurizio Marello vorrebbe approvare entro fine anno, in modo da evitare l’esercizio provvisorio. Per il bilancio del 2014, dopo la manovra realizzata per aumentare l’Imu e ovviare ai tagli statali, non si prevedono modifiche, anche perché sembra esclusa la possibilità che la Regione conceda uno sblocco sul Patto di stabilità, operazione che lo scorso anno, proprio a ottobre, aveva concesso al Comune una maggiore possibilità di spesa di 2,6 milioni di euro.

Sul numero di Gazzetta in edicola i progetti per i vari quartieri albesi e le proposte dell’opposizione consiliare.

Enrico Fonte

Banner Gazzetta d'Alba