Addio a Massimo Bazzini, fondatore della Collina degli elfi

GOVONE. Si sono svolti questa mattina, nella chiesa di San Pietro, i funerali di Massimo Bazzini, imprenditore edile tra i fondatori della Collina degli elfi, la struttura riabilitativa e ludica per bambini che sono stati malati di cancro e per le loro famiglie, sorta alcuni anni fa nell’ex convento di Craviano. Bazzini, stroncato da un infarto a soli 46 anni, alcuni giorni fa, era originario di San Damiano, ma da anni viveva nella comunità govonese. Aveva preso a cuore il progetto della Collina degli elfi ed era stato tra i più attivi nella ristrutturazione dell’edificio, oltre ad essere sempre presente tra i volontari, sia nelle terapie riabilitative coi cavalli, che amava molto, sia nella promozione dell’associazione benefica, sia  nella gestione dei concerti che, ogni estate, vengono organizzati allo scopo di finanziare la struttura e i soggiorni in essa delle famiglie di bambini in dismissione di malattia.

«Massimo era più che un volontario: era una persona lodevole e appassionata. Talvolta la vita ci riserva sorprese inaspettate, difficili da accettare, sconcertanti. Govone è ancora frastornata dalla notizia e ora non mi resta che dire: grazie Massimo per tutto ciò che hai fatto» ha dichiarato il sindaco govonese Giampiero Novara dopo le esequie.

Massimo Bazzini, che viene ricordato come una persona disponibile e instancabile, generosa e operosa, collina degli elfi lascia la moglie, Barbara Cravanzola, e la figlia Giulia, sedicenne.

f.ge. e v.p.

Banner Gazzetta d'Alba