Renzi chiama Marello: “All’inaugurazione della Fiera ci sarò”. E scoppiano già le polemiche…

ALBA Nel pomeriggio di oggi, martedì 15 settembre, il sindaco Maurizio Marello ha ricevuto una telefonata speciale: quella del presidente del Consiglio Matteo Renzi, il quale ha voluto confermare di persona la sua presenza all’inaugurazione dell’85.a Fiera internazionale del tartufo bianco d’Alba, in programma il 9 ottobre al Teatro sociale “Busca”. Presenza, quella del Premier, già annunciata alcune settimane fa, in anteprima, da Gazzetta d’Alba.

Matteo Renzi sul palco del Sociale di Alba nell'ottobre 2012.
Matteo Renzi sul palco del Sociale di Alba nell’ottobre 2012.

Farò il possibile per essere presente“, ha detto Renzi al primo cittadino albese, sottolineando con “cordialità e simpatia” – ha riferito Marello – l’intenzione di prendere parte al taglio del nastro della Fiera, “salvo improvvisi impegni istituzionali“. Renzi è il secondo illustre politico ad avere detto “” alla Fiera che celebra il Tuber magnatum Pico: nelle scorse settimane aveva confermato la propria presenza il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz, che proprio in quei giorni verrà nominato cittadino onorario di Monforte d’Alba.

L’accoglienza per i due politici – in particolare Renzi – potrebbe non essere idilliaca. I sindaci della zona starebbero infatti pensando di organizzare una mobilitazione finalizzata ad accendere i riflettori nazionali sulla questione dell’ospedale di Verduno, la cui costruzione continua a incontrare ostacoli (ne parliamo sul numero in edicola).

Il consigliere albese del Movimento 5 stelle Ivano Martinetti in un comizio elettorale.
Il consigliere albese del Movimento 5 stelle Ivano Martinetti in un comizio elettorale.

In agitazione anche il Movimento 5 stelle, che in un comunicato stampa firmato dal consigliere grillino Ivano Martinetti si è detto “perplesso” circa l’invito a Renzi, perché “da troppo tempo i governi succedutisi in Italia, compreso quello attuale, hanno dimostrato una scarsa considerazione nei confronti dell’albese: si pensi alla cancellazione del tribunale, alla storia irrisolta del nuovo ospedale – ancora in alto mare e che difficilmente vedrà la conclusione nel 2016 -, al completamento dell’autostrada Asti-Cuneo – dato per certo dall’ex ministro Maurizio Lupi proprio durante l’inaugurazione della Fiera dello scorso anno -, senza dimenticare i continui tagli ai trasferimenti“. “Consapevoli del ritorno d’immagine e del prestigio che ne dovrebbe derivare da questa operazione di marketing per la nostra città“, prosegue il pentastellato, “non possiamo fare a meno di chiederci quale sia l’approccio dell’Amministrazione  su questa scelta, viste anche le recenti dichiarazioni che ci sono sembrate piuttosto polemiche rilasciate dal nostro Sindaco a proposito dell’annuncio del Premier di voler abolire le tasse sulla casa. In segno di protesta verso la scarsissima considerazione dello Stato verso una realtà virtuosa come quella albese, la cittadinanza dovrebbe essere compatta nel richiedere alla Giunta di rimette nelle mani di Renzi il gonfalone della Città e la medaglia d’oro al Valor Militare: in questo caso la visita del Premier assumerebbe un significato di reale promozione del nostro splendido Comune“.

Enrico Fonte

Banner Gazzetta d'Alba