Tre sculture di Kiki Smith nel Coro della Maddalena

Kiki_Coro della Maddalena_photo by BRUNO MURIALDOALBA. Il 24 settembre aprirà al pubblico una nuova mostra promossa dalla famiglia Ceretto, noti produttori di vino e appassionati d’arte contemporanea, nel meraviglioso Coro della Maddalena. Sarà Kiki Smith, pittrice e scultrice americana tra le più quotate nel panorama contemporaneo mondiale, la protagonista della mostra albese.

Per l’occasione l’artista ha scelto 3 grandi sculture rappresentative della sua produzione artistica. Mary Magdalene, in onore al nome stesso del luogo che ospita la mostra, è un’opera del 1994 realizzata in bronzo, silicone e acciaio e rappresenta la Maddalena come una donna selvaggia secondo la tradizione medievale e rinascimentale. Announciation, scultura creata nel 2008, è una fusione d’alluminio che rappresenta un uomo seduto, dalla testa sproporzionatamente grande, con il braccio alzato in un gesto di saluto spesso rappresentato nelle opere cristiane. L’artista definisce l’opera come “un’immagine androgina della vergine al momento dell’annunciazione”. She-Wolf, scultura bronzea del 2001, rappresenta una lupa, figura ricorrente nell’arte di Kiki Smith, incontro tra mondo mitologico, inconscio e regno naturale.

Il progetto è il frutto della sinergia tra Ceretto, il curatore Bill Katz e il Comune di Alba cominciata nel 2010 con la mostra collettiva “15 artisti per Steven”, dedicata alla memoria dell’architetto Steven Shailer. Per l’occasione erano presenti grandi nomi della scena artistica newyorkese quali Robert Indiana, Donald Baechler, Anselm Kiefer, John Baldessari e Kiki Smith. Tutti questi artisti hanno stretto un rapporto di amicizia e collaborazione con la famiglia Ceretto e si sono dedicati alla creazione dei piatti d’artista del ristorante La Piola. Gli appuntamenti con il contemporaneo nel coro barocco di Alba sono proseguiti nel 2012 con la collettiva “Americans” mentre nel 2013 è stata la volta della personale di Ellsworth Kelly fino ad arrivare, lo scorso anno, alla mostra di Anselm Kiefer. Tutte le mostre hanno riscontrato un notevole successo di pubblico registrando il record di visitatori nel 2014 con circa 23.500 ingressi.

La personale di Kiki Smith non è che l’ultimo legame fra i Ceretto e l’artista. Nel giugno dello scorso anno un eccezionale intervento permanente ha interessato la facciata de La Piola, il ristorante di tradizione di proprietà della famiglia Ceretto situato in Piazza Duomo ad Alba. Sotto i portici che accolgono il locale splende La Speranza, un disegno poetico realizzato in foglia d’oro che completa l’installazione My happy dream creata due anni fa per l’interno della sala.

La mostra nel Coro della Maddalena sarà visitabile ad ingresso gratuito fino all’8 novembre.

Banner Gazzetta d'Alba