Il Teatro sociale si presenta con Einaudi

EinaudiALBA. Giovedì 19 novembre la data zero del tour del celebre pianista
Un teatro che continua a evolversi, crescere, trasformarsi. E a soprendere: partirà con la “data zero” al Sociale, giovedì 19 novembre, il tour mondiale di Ludovico Einaudi. La notizia arriva a sorpresa durante la presentazione della stagione, sabato.

Ad annunciarla Fabio Tripaldi, assessore alla cultura. Einaudi, tra i più conosciuti e apprezzati pianisti del mondo, ha scelto Alba per le prove in vista del tour che lo porterà a calcare i palcoscenici dei teatri italiani (già esaurite le date di Parma, Torino, Napoli, Bologna e Milano) ed europei, prima di tornare a esibirsi negli Stati Uniti, in Canada, Oceania e Asia.

Il concerto albese è la prima occasione in assoluto per ascoltare dal vivo l’album Elements, in uscita venerdì 16 ottobre. Composto da 12 brani, l’album è stato registrato tra marzo e giugno nello studio della casa di campagna nelle Langhe. Ludovico Einaudi ha origini doglianesi: è figlio dell’editore Giulio e nipote di Luigi, presidente della Repubblica dal 1948 al 1955. Il pianista piemontese sul palco della sala Abbado si esibirà accompagnato dal gruppo composto da Francesco Arcuri, Marco Decimo, Mauro Durante, Alberto Fabris, Federico Mecozzi e Redi Hasa. Nei prossimi giorni saranno rese note le modalità di vendita dei biglietti.
Il carnet già previsto prima della sorpresa è composto da spettacoli dal sapore di internazionalità. Spiega il sindaco Maurizio Marello: «Dobbiamo ringraziare gli sponsor privati che ci hanno sostenuto. Nonostante la recessione e la difficoltà di molte aziende, quando alziamo il telefono per chiedere contributi la risposta è sempre la stessa: “Per il teatro, certamente”».

Ha aggiunto l’assessore alla cultura Fabio Tripaldi: «La raccolta sponsor è andata ancora meglio rispetto agli altri anni. Il Comune ha, come sempre, erogato la restante parte dei finanziamenti necessari. Siamo soddisfatti del risultato. Alla prosa sarà anteposta, sabato 21 novembre, l’operetta Al Cavallino Bianco, presentata dalla compagnia Corrado Abbati. Il 4 dicembre sarà invece la volta del Don Giovanni di Molière, interpretato da Alessandro Preziosi e Nando Paone. Seguiranno: il Decamerone con Stefano Accorsi; Ascanio Celestini presenterà Laika. Quindi I suoceri albanesi con Francesco Pannofino ed Emanuela Rossi, Una giornata particolare con Giulio Scarpati e Valeria Solarino, Uomo e Galantuomo con Gianfelice Imparato e Giovanni Esposito e La scena con Angela Finocchiaro, Maria Amelia Monti e Stefano Annoni».

Il cartellone completo, con la sinossi degli spettacoli, è consultabile nell’inserto speciale in uscita con questo numero di Gazzetta.
Nel programma ha trovato spazio anche la comicità di Giuseppe Giacobazzi, Debora Villa e Andrea Pucci. E non poteva mancare il Teatro del territorio curato da Oscar Barile, che porterà ad Alba Il Nostro Teatro di Sinio, le compagnie I Sempreverdi e Carla S. Infine e Marianna Torta Morolin.

L’ultima “sezione” sarà quella per le famiglie, alla domenica pomeriggio. L’evento speciale sarà dedicato all’assocazione Magog, che festeggerà i quarant’anni di vita. Unico spettacolo “fuori abbonamento” sarà un musical, vincitore di decine di premi e 18 anni di “vita” sui palcoscenici italiani: Grease, a marzo.

m.v. e m.p. 

Banner Gazzetta d'Alba