Medici al liceo, in vista del test per l’università

Alla fondazione Ferrero si parla di oncologia

ALBA L’Ordine dei medici di Cuneo va al liceo: il primo incontro è stato lunedì 23 novembre, a Bra; il secondo si terrà lunedì 30 con gli studenti di quarta e quinta liceo classico e scientifico ad Alba, nell’aula magna del Cocito, dalle 14 alle 16; altri appuntamenti si terranno a gennaio 2016 in altre città della Granda.

medico stetoscopio
Il titolo dell’incontro è Cosa vuol dire essere medico oggi, e, come spiega Eleonora Franzini Tibaldeo, coordinatrice della commissione studenti dell’Ordine medici Cuneo, «lo scopo è quello di informare e creare un dialogo tra i ragazzi che vogliono intraprendere la strada della medicina e chi è medico di esperienza, ma soprattutto di far avvicinare i giovani all’Ordine in quanto organismo che li dovrà accompagnare nella carriera».
La referente parte dalla propria esperienza per raccontare come è nato il progetto, unico nel suo genere in Italia: «Ci siamo resi conto che spesso i ragazzi scelgono la carriera medica come sbocco lavorativo senza considerare la componente umana e l’attitudine necessaria per una professione di cura».
Afferma il presidente dell’Ordine Salvio Sigismondi: «Andiamo nelle scuole con l’intento né di dissuadere né di far proseliti. Stiamo dicendo che esiste un’enorme sovrapproduzione di medici. Che senso ha che lo Stato spenda circa 600 mila euro per preparare un medico se poi non ci sono sbocchi?».
Continua Sigismondi: «Fare il medico non è come si vede nei programmi televisivi. Vorremmo che il giovane avesse una buona vocazione, che non faccia questa scelta solo per il ruolo sociale o i soldi o chissà che altro».

a.r.

Banner Gazzetta d'Alba