Il liceo San Giuseppe in liquidazione coatta

BRA Nonostante abbia confermato l’appuntamento di presentazione in programma la scorsa settimana in occasione di “Braorienta”, l’istituto San Giuseppe di Bra naviga verso un futuro incerto. La scuola paritaria, che propone l’indirizzo di liceo sociale anche con specializzazione economica, è infatti in mano a un commissario liquidatore.

bra istituto san giuseppe
La procedura di «liquidazione coatta amministrativa» a cui lo storico istituto superiore di via Provvidenza è sottoposto, infatti, è analoga a quella di un fallimento. Non trattandosi, però, di una normale azienda, l’attività non è stata interrotta nonostante la procedura sia stata avviata più di un mese fa su disposizione del Ministero per lo sviluppo economico che ha dato l’input a inizio settembre. I bilanci della scuola, che oggi conta 24 allievi in tre classi, sono in mano a Stefano Brisone che ha il compito di verificare lo stato passivo dei conti e valutare come portare avanti la didattica, almeno fino alla fine dell’anno. L’auspicio è che, con un bando, si possa individuare qualcuno che rilevi la scuola e ne porti avanti le attività didattiche nei prossimi anni.
«Con i genitori e gli insegnanti», spiega il liquidatore Stefano Brisone, «abbiamo individuato come priorità quella di portare a termine l’anno scolastico, per garantire, tra l’altro, agli alunni di quinta di sostenere l’esame di maturità». Già da qualche anno non erano stati attivati i corsi di scuola media e lo scorso anno non ci sono stati sufficienti iscritti per attivare una classe prima.
L’istituto ha sede all’interno di locali di proprietà dell’antico Convitto Provvidenza che invece procede regolarmente le attività e sta raccogliendo le iscrizioni per il prossimo anno per la scuola dell’infanzia e la primaria.
Erica Asselle

Banner Gazzetta d'Alba