Fondazione Crc: Marello cerca due candidati albesi

La Crc vende quote di Bre per crescere in Ubi banca

ALBA È iniziato il 26 gennaio l’iter di rinnovo del Consiglio generale della Fondazione Cassa di risparmio di Cuneo con la spedizione delle lettere indirizzate ai 16 enti che, in base allo Statuto, hanno titolo a designare i 22 consiglieri per il mandato 2016-2020.

fondazione crc cuneo2

Il sindaco di Alba Maurizio Marello deve designare due consiglieri, un uomo e una donna, che siano residenti da almeno tre anni nell’albese, abbiano conoscenze specialistiche in materie inerenti i settori di intervento della Fondazione, abbiano ampia esperienza in una libera professione o in campo imprenditoriale o accademico e non abbiano compiuto 75 anni. Inoltre i candidati devono rispettare i criteri di onorabilità e incompatibilità previsti dallo Statuto della Fondazione che è stato aggiornato a maggio 2015.

Per individuare i papabili il Comune di Alba raccoglie le candidature fino alle 12 del 24 febbraio. Le domande, complete di generalità, curriculum vitae dettagliato e documentazione del possesso dei requisiti necessari vanno consegnate a mano all’Ufficio contratti del Comune di Alba oppure inviate mediante posta certificata all’indirizzo comune.alba@cert.legalmail.it o spedite a mezzo raccomandata a Comune di Alba – Segreteria generale – piazza Risorgimento 1 – 12051 Alba con oggetto: “Candidatura per il Consiglio generale della Fondazione Crc”. La documentazione dettagliata è pubblicata sul internet del Comune www.comune.alba.cn.it.

Ai componenti il Consiglio generale spetta una indennità rapportata alla partecipazione alle diverse sedute degli organi della Fondazione che arriva a 6.197,49 euro all’anno a cui vanno aggiunti gettoni di presenza tra i 200 e 350 euro a riunione. Ben più sostanziosi i compensi annui lordi del presidente, 92.962,20 euro, del vicepresidente, 65.073,60 euro e dei consiglieri di amministrazione, 55.777,32 euro.

Oltre ai due scelti dal Comune di Alba il territorio albese esprimerà altri quattro consiglieri: a nominarne uno ciascuno saranno il Comune di Santo Stefano Belbo, la Provincia di Cuneo, l’Unione del commercio e la Commissione diocesana di arte sacra. Tra di essi due verranno poi nominati nel consiglio di amministrazione e verranno poi sostituiti da altri candidati albesi.
Nel 2011 vennero nominati dal Comune di Alba Antonio Degiacomi e Giacomo Oddero, che vennero poi promossi nel cda e sostituti nel consiglio da Luciano Giri e Silvano Stroppiana. Il comune di Montà nominò Domenico Almondo, la Camera di commercio Ernesto Abbona, il Comitato di gestione del fondo del volontariato Falvio Zunino e l’Associazione insediamenti universitari Valter Boggione.

Banner Gazzetta d'Alba