Guelfo al vertice dell’Enoteca?

Enoteca del Roero. Pierpaolo Guelfo eletto all'unanimità

ENOTECA DEL ROERO
Per guidare l’ente spunta il nome del govonese, inventore di Paese Natale
Il nome nuovo per la presidenza dell’Enoteca del Roero potrebbe essere quello di Pier Paolo Guelfo. Trentaseienne, govonese, Guelfo da due anni fa parte del Cda dell’Ente turismo Alba, Bra, Langhe e Roero ed è ideatore e promotore della kermesse “Il magico paese di Natale”, diventata in poche edizioni la terza, per numero di presenze, a livello nazionale, dopo i mercatini di Bolzano e Trento.

GZ10P46_ENOTECA_1457357559525_TRATTATA
Una dote che sembra aver convinto i sindaci del Roero, con alcuni distinguo (vedi box) e che potrebbe convincere i produttori vinicoli che si erano espressi contro l’ipotesi Alberto Cirio. All’eurodeputato (che avrebbe accettato, senza stipendio, solo a patto che tutti i sindaci fossero concordi nell’indicare il suo nome) alcune maestranze lamentavano di rappresentare una nomina “politica” e di non essere strettamente roerino. Dal tramonto, quasi ufficiale, dell’ipotesi Cirio, nasce l’idea di un nuovo nome più condiviso. Le “accuse” mosse a Cirio non potrebbero, infatti, essere rivolte al govonese Pier Paolo Guelfo che dopo due mandati come consigliere di opposizione nel paese d’origine ha abbandonato la strada della politica locale per sposare la promozione del territorio.
A favore di Guelfo anche l’età, più o meno la stessa di Luciano Bertello quando assunse la carica di presidente dell’Enoteca. Bertello, all’inizio, potrebbe affiancare Guelfo, con un passaggio soft e la garanzia di non disperdere l’esperienza maturata dall’attuale presidente.
«Per ora si tratta solo di indiscrezioni», commenta Guelfo che, tuttavia, non nasconde la soddisfazione. «Mi inorgoglisce il fatto che alcuni sindaci abbiano pensato a me e mi fa capire di aver lavorato nella direzione giusta per la promozione del Roero. Se intorno al mio nome ci sarà condivisione sarò ben contento di mettermi al servizio dell’Enoteca. L’importante è che si risanino le spaccature e si possa rilanciare la struttura più rappresentativa della sinistra Tanaro».

Nel numero di Gazzetta in edicola un’ampio servizio sull’argomento, con i commenti dei sindaci roerini
Marcello Pasquero

Banner Gazzetta d'Alba