Bra: anticipo per Tari e Tosap

Cosa significa scegliere di affidare i propri soldi a una banca etica?

BRA I contribuenti braidesi è bene che si annotino una variazione delle scadenze per il pagamento delle tasse locali. Nei giorni scorsi la Giunta comunale ha approvato il calendario delle date entro cui debbono essere effettuati i versamenti.

banconote euro
Per l’Imu si tratta del 16 giugno e del 16 dicembre (scadenze fissate a livello nazionale), per la Tari (Tassa rifiuti) del 16 luglio e del 16 settembre, per la Tasi del 16 giugno e del 16 dicembre, per la Tosap (Tassa per l’occupazione di spazi e aree pubbliche) del 16 luglio e del 16 settembre, mentre l’imposta sulla pubblicità deve essere versata entro il 30 giugno.
La novità rispetto al 2015 è quindi rappresentata dall’anticipo di un mese della scadenza per il versamento della seconda rata della Tassa rifiuti, mentre viene anticipata di un mese e mezzo la Tosap. Questo permetterà all’Ufficio tributi comunale di eseguire i controlli più tempestivamente e di comunicare gli esiti ai contribuenti in tempo utile per evitare di pagare interessi e sanzioni.
Altra importante novità per il 2016 è rappresentata dalla sostanziale eliminazione della Tasi. La Tassa sui servizi indivisibili non è più dovuta sulle case utilizzate dal proprietario come abitazione principale, mentre resta per gli immobili di lusso e quelli strumentali agricoli.
La legge di stabilità 2016 prevede anche agevolazioni per le case date in affitto a canone concordato, che usufruiscono di una riduzione Imu del 25%.

Per quanto riguarda le case date gratuitamente a parenti, ai fini dell’Imu la legge di stabilità prevede che la base imponibile possa essere ridotta del 50%, ma è necessario avere registrato il contratto di comodato (con un costo di 200 euro) entro il 1° marzo scorso. Peraltro il Comune di Bra per le case date ai parenti prevede già un’aliquota agevolata dello 0,75%.
Quanti hanno registrato il contratto entro i termini possono quindi usufruire di entrambe le agevolazioni, quella statale e quella comunale.
Diego Lanzardo

Banner Gazzetta d'Alba