Autori e lettori a confronto sotto le torri

ALBA Sesta edizione della rassegna Notte bianca delle librerie sabato 7 maggio
Alba si colorerà di parole, sabato 7 maggio, dal pomeriggio a mezzanotte. È la Notte bianca delle librerie, edizione numero sei. Decine gli eventi organizzati dalle librerie e dalle scuole, con il liceo classico e artistico in prima fila, oltre che dalla biblioteca civica e dai musei Federico Eusebio e MuDi. Con iniziative anche a Monforte, alla fondazione Bottari Lattes. Spiega l’assessore alla cultura Fabio Tripaldi: «L’anno scorso abbiamo registrato un tutto esaurito, gli incontri sono stati partecipati dal pomeriggio fino alla sera, le librerie erano piene. Speriamo di poter replicare.

Il Comune ha una funzione di coordinamento dell’evento, con il centro studi Beppe Fenoglio: le singole librerie sono autonome e organizzano il proprio calendario. Oltre a una funzione pedagogica – avvicinare i più piccoli alla lettura – la giornata ha come scopo di evidenziare la funzione di lettura e scrittura nelle nostre esistenze».

Eclettico il calendario. L’apertura sarà alle 15, alla libreria La torre: «Presenteremo il libro Benvenuti, scritto in collaborazione dai ragazzi di prima media e da quelli delle classi quinte dell’istituto comprensivo Quartiere Moretta, che racconta il passaggio di un gruppo di alunni dalle elementari alle medie, con il loro bagaglio di paure, desideri, aspettative e affetti.

I ragazzi del laboratorio teatrale della media Sandro Pertini animeranno alcune scene dal racconto e ne leggeranno alcune pagine, dopodiché la parola passerà ai giovani autori. I ragazzi della prima A del liceo Pinot Gallizio parteciperanno raccontando la loro esperienza nel passaggio alle superiori e indagando quali prospettive la scrittura e la lettura possano aprire», spiega Paola Cencio. Il cortile della Maddalena e la sede della scuola ospiteranno un’esposizione di lavori degli studenti.

Classe II A liceo Pinot Gallizio

Il liceo classico aprirà la biblioteca storica, intitolata a Beppe Fenoglio, con esposizione di libri antichi a cura degli studenti; alle 20.30 Piercarlo Rovera terrà una lezione sulla storia della biblioteca del liceo, alla quale seguirà un intervento di Luciano Cordero dedicato ai libri antichi.

Nelle librerie gli incontri si susseguiranno a ritmo incalzante. Alle 16.30 nella libreria Mondadori è previsto “Mamma e papà, mi raccontate come si fanno i bambini?”, con Carla Geuna e Jessica Lamanna. Alle 17 nella libreria Zanoletti Loredana Scursatone ed Elena Cauda parleranno di difficoltà comunicative, bilinguismo e lingua dei segni: temi presenti nel libro Io, le persone le chiamo per nome. Alle 19 nella libreria Milton verrà presentato il libro Tre uomini fanno una tigre. Viaggio nella cultura e nella lingua cinese (Instar), un lavoro di Nazarena Fazzari.

Nella Notte bianca di sabato uno spazio importante sarà per gli autori albesi o della zona: da Teresio Asola (ore 18.30 da Zanoletti con L’Alba dei miracoli) a Lorena Canottiere (ore 21.30 alla Torre con la graphic novel Verdad). Fino a Giacomo Giamello e le sue Antiche fiabe e novelle delle Langhe con copertina disegnata da Andrea Berlinghieri (da Milton, ore 20.30) e Graziano Isaia, autore di Luigi-Uomo-Ruota (all’Incontro, ore 20). Senza dimenticare l’appuntamento con Valerio Berruti, artista di fama da Mondadori alle 21.
Alle 20 nella libreria San Paolo si analizzeranno le “Invettive apotropaiche”, riflessioni esistenziali e sociali sul mondo di oggi con letture degli studenti del Govone.

Due gli appuntamenti con temi e saggi legati alla Resistenza: alle 18.30 il romanzo con prefazione di Giancarlo Caselli scritto dal giornalista Daniele La Corte; alle 21.30 Carlo Greppi parlerà dei suoi due libri Non restare indietro e Uomini in grigio. Storie di gente comune nell’Italia della guerra civile.

I più piccoli potranno partecipare alla giornata con appuntamenti come Vita da rana, avventure e colpi di scena in uno stagno che più verde non si può di Ilaria Dal Canton e Silvia Albesano (alla Torre, ore 16.30). Al centro studi Beppe Fenoglio – aperto dalle 14.30 – ogni mezz’ora dalle 17 alle 19, Daniela Febino metterà in scena lo spettacolo E questo è il fiore… La Resistenza insegnata ai bambini.

daniela_febino_Porcellini
Per usare le parole di Tripaldi: «Sarà possibile affrontare un viaggio di scoperta che passa attraverso ogni libreria, senza contare gli eventi al teatro, al centro studi Beppe Fenoglio, in licei e musei. Non solo il romanzo ma anche la poesia, la psicologia, la saggistica, le narrazioni per bambini. Se il contenitore è simile a quello dell’anno scorso, il contenuto è completamente cambiato e per il visitatore sarà un’esperienza indimenticabile».

m.v.

Banner Gazzetta d'Alba