Bocuse d'Or Europa, ultimi allenamenti per Marco Acquaroli

GUARENE È partita nei giorni scorsi dallo show room Zanussi di Guarene, dove si è allenato con la squadra di chef italiana, l’assalto di Marco Acquaroli al Bocuse d’Or Europa. Il cuoco lombardo, attualmente sous chef di Saverio Sbaragli nel prestigioso ristorante Il Lago del Four Seasons di Ginevra ha vinto la selezione italiana del Bocuse d’Or che si è svolta ad Alba il 31 gennaio e il primo febbraio nel Teatro sociale. Acquaroli sbaragliò la concorrenza di altri undici cuochi, tra cui i roerini Stefano Paganini (Alla corte degli Alfieri) e Michelangelo Mammoliti (Madernassa) con due piatti di alto contenuto tecnico: il filetto di storione alle alghe con porro farcito di patata al caviale, cipolla rossa al cavolfiore e consommé di cipolla e il cervo al ginepro tostato, barbabietola farcita di coscia brasata, flan di zucca, millefoglie di topinambur e tartufo, salsa all’aceto di barolo. Storione e cervo saranno i piatti in cui venti cuochi in rappresentanza di venti stati europei dovranno cimentarsi martedì 10 e mercoledì 11 maggio nella finale europea di Budapest. Dalla gara usciranno gli undici nomi che nel gennaio 2017 potranno giocarsi, a Lione, in Francia, la finale mondiale del concorso per cuochi più celebre e importante che ci sia. Sembra facile, ma non lo sarà, perché l’Italia nelle precedenti edizioni non è mai riuscita a superare questo scoglio ed è approdata alla finale mondiale solo grazie al ripescaggio con la “wild card”.

Sarà importante il tifo dall’Italia e in particolare dalla città di Alba, che lo ha adottato, per Marco Acquaroli e la nazionale di cuochi che lo accompagnerà nella trasferta in terra ungherese. Trasferta che Gazzetta d’Alba seguirà con un suo collaboratore. Nella quiete di una cucina professionale attrezzata ad hoc, identica a quella regolamentare che troverà in gara, lo showroom di attrezzature professionali Zanussi dell’agenzia Piero Mollo ha ospitato gli allenamenti di Acquaroli e del suo team formato da  Giancarlo Perbellini, presidente del Bocuse d’Or Italia, Fabio Tacchella coach ufficiale, Luciano Tona coordinatore, Enrico Crippa e Paolo Lopriore supervisor strategist ricette, Paolo Barichella food designer di fama nazionale, Luca Govoni docente di Storia e cultura della cucina italiana ad Alma (la Scuola internazionale di cucina italiana) per il supporto storico.

Sul numero di Gazzetta d’Alba disponibile a partire da martedì 10 maggio l’intervista ad Acquaroli.

Marcello Pasquero

Banner Gazzetta d'Alba