Ecovolontari in arrivo alla Fiera del tartufo

ALBA  Il tema rifiuti continua a far discutere la politica, oltre che i cittadini, desiderosi di veder alleggerire i costi, visti gli sforzi profusi per la raccolta differenziata. Il capogruppo del Movimento 5 stelle nel Consiglio comunale di Alba, Ivano Martinetti, con un’interrogazione a risposta scritta, ha risollevato la questione della raccolta rifiuti durante le grandi manifestazioni. Queste le sue parole: «Avevo già chiesto come mai durante la Fiera del tartufo fossero quasi del tutto assenti i punti di raccolta differenziata e nonostante l’Amministrazione avesse detto di voler introdurre migliorie i problemi si sono ripetuti a Vinum».

ecovolontari

La risposta è toccata all’assessore comunale all’ambiente Massimo Scavino, il quale ha riferito che sono stati impiegati «oltre venti cassonetti per la raccolta di vetro, carta e rifiuti indifferenziati» e che con il nuovo appalto in partenza il prossimo luglio (a cura di Stirano) si intende «migliorare la differenziata all’interno dei grandi eventi, anche grazie alla presenza di ecovolontari ambientali».

I consiglieri di opposizione Domenico Boeri (Per Alba) ed Emanuele Bolla (Fratelli d’Italia) hanno invece chiesto di riattivare l’ecotessera, carta a punti che garantiva premi e agevolazioni (contenitori per l’immondizia, tessere ricaricabili per i parcheggi blu e biglietti per mezzi pubblici e spettacoli) a chi conferiva i rifiuti in maniera separata nella stazione ecologica di via Ognissanti.

L’assessore Scavino ha spiegato che l’iniziativa è stata sospesa in via temporanea in attesa della partenza del nuovo bando per la raccolta. «Quando era stata pensata la carta (che nel 2015 è costata al Comune circa 30mila euro), la differenziata porta a porta non era ancora diffusa e pertanto oggi, visto che le cose sono profondamente cambiate, va ripensata: l’idea è quella di riproporla legandola all’ecosportello che Stirano sarebbe intenzionato ad aprire e andando a premiare chi conferisce all’isola ecologica materiale che non viene raccolto a domicilio», ha affermato Scavino, precisando che chi aveva accumulato punti con la precedente tessera può richiedere comunque il premio.

Enrico Fonte

 

Banner Gazzetta d'Alba