Bra: interpello e mediazione per le imposte locali

Bra: interpello e mediazione per le imposte locali

BRA Nei giorni scorsi (la scadenza era giovedì 16) i cittadini braidesi hanno provveduto al pagamento della prima rata 2016 dell’Imu e della Tasi. Intanto la Giunta comunale ha approvato la regolamentazione di due nuove opportunità offerte ai contribuenti per muoversi meglio nella complessa materia fiscale.
L’interpello. Attraverso l’interpello è possibile interrogare direttamente il Comune nei casi di dubbia interpretazione delle norme da applicare in materia di fisco locale. Il diritto di interpello è garantito anche alle associazioni sindacali e di categoria, ai centri di assistenza fiscale e agli studi professionali, quando il medesimo caso riguardi una pluralità di associati, iscritti o rappresentati.
Il Comune risponde in forma scritta entro novanta giorni e pubblica la risposta sul sito Internet.
Reclamo/mediazione. Le controversie sui tributi comunali di valore inferiore ai ventimila euro ora possono essere definite in sede di mediazione direttamente con l’ente locale, prima di ricorrere alla Commissione tributaria.
Presentando il reclamo/mediazione, i termini sono sospesi per 90 giorni durante i quali è possibile tentare una soluzione stragiudiziale della controversia attraverso la mediazione del funzionario incaricato dal Comune di Bra. Se ciò non è possibile e la mediazione si conclude negativamente, il contribuente potrà comunque presentare il suo ricorso alla Commissione tributaria provinciale.
Maggiori informazioni su queste nuove opportunità in campo fiscale sono pubblicate nella sezione “Tributi” del sito dell’Amministrazione civica all’indirizzo www.comune.bra.cn.it.
In merito alle tasse locali, la prossima scadenza per i cittadini braidesi sarà il 16 luglio, con il versamento della
Tari e della Tosap.
Diego Lanzardo

Banner Gazzetta d'Alba