Gazzetta d’Alba compie 134 anni!

Gazzetta d'Alba compie 134 anni!

«Era una bella mattinata di prima estate. Calda, ma non ancora afosa; soleggiata. Come facevano da secoli, i langhetti convenivano a frotte su Alba per l’appuntamento del mercato del sabato. Si muovevano con i mezzi più diversi. Di vetture trainate da cavalli ce n’erano di tanti tipi: dai furgoni “postali” che facevano regalare servizio di linea agli eleganti calessi su cui viaggiavano i ricchi proprietari o i professionisti, ai trabiccoli cigolanti, birocci, semplici carri o che altro (non di rado serviti da meno nobili quadrupedi) che abbinavano il trasporto delle merci a quello delle persone.

Altre persone scendevano in gran numero dalla tramvia a vapore che collegava la città con Barolo e Monchiero o dalle carrozze dai sedili in legno dei “treni ferroviari” che da qualche anno, trascinati da vaporiere che innalzavano al cielo alte colonne di fumo e cospargevano di fuliggine i passeggeri sotto le gallerie, transitavano per Alba, collegandola con Cavallermaggiore ed Alessandria.

Tanti, tantissimi, arrivavano a piedi. Erano partiti prima dell’alba dai paesi di Langa, in cui imperversava la “malora”, isolati dal mondo, raggiunti solo da precarie carrarecce serpeggianti tra i campi e le vigne lungo i fianchi delle colline, dominio della polvere in estate e regno del fango quando pioveva.
Tutti accoglieva la città posta là, nella conca lungo il Tanaro, con le sue torri orgogliose e i suoi molti campanili. Una città fiera del suo passato, ma con pochi motivi di esultanza per il suo presente. Piccola: dei 12.000 abitanti, poco più della metà vivevano nel concentrico, ancora racchiuso nella cerchia delle mura medievali, pur abbattute da gran tempo. […]
Quel 3 giugno del 1882 ai tantissimi frequentatori del mercato la città offriva una novità. Era un nuovo giornale, la “Gazzetta di Alba”, che un pugno di volenterosi acquistò sborsando 5 centesimi, non tantissimi, ma pur sempre una spesa non alla portata di tutti».

tratto dal libro “Alba e la sua Gazzetta”, di Gianfranco Maggi e Gianni Boffa, edito nel 2002 da “Gazzetta d’Alba”

Banner Gazzetta d'Alba