Redditi non dichiarati: l’Agenzia avvisa i distratti con una lettera

Bra: interpello e mediazione per le imposte locali

TORINO Sono 1.408 gli abitanti della Granda (13mila in tutto il Piemonte) che presto riceveranno una comunicazione da parte dell’Agenzia delle entrate per essere informati di possibili errori o dimenticanze nella dichiarazione dei redditi presentata nel 2013 e relativa ai guadagni del 2012.
Le lettere arriveranno via Pec o posta ordinaria: l’Agenzia spiegherà ai contribuenti interessati quali sono le somme che non risultano correttamente indicate nella dichiarazione rispetto a quelle presenti nell’anagrafe tributaria. Verranno inviate gradualmente e l’operazione si concluderà nel mese di settembre.
Chi ritiene di essere in regola potrà mettersi in contatto con l’Agenzia e chiarire i presunti errori attraverso il centro di assistenza multicanale o un ufficio territoriale dell’Agenzia delle entrate.
Se invece il contribuente riconosce i rilievi evidenziati può correggerli tramite il ravvedimento operoso, presentando una dichiarazione integrativa, versando le maggiori imposte dovute, i relativi interessi e beneficiando della riduzione delle sanzioni a un sesto di quelle ordinarie. In questo modo, potrà evitare un atto di accertamento vero e proprio.
Le comunicazioni riguardano anomalie relative ad alcuni redditi, che, dai dati in possesso dell’Agenzia, risulterebbero non dichiarati, in tutto o in parte. Si tratta soprattutto di redditi di lavoro dipendente e assimilati; assegni periodici corrisposti dall’ex coniuge; redditi di partecipazione in società che hanno optato per il regime della trasparenza; redditi di capitale relativi a utili corrisposti da società di capitale o enti commerciali; redditi di lavoro autonomo non derivante da attività professionale; alcune tipologie di redditi diversi; redditi di impresa derivanti da plusvalenze o sopravvenienze attive.

Banner Gazzetta d'Alba