Il Palio rimane ai Patin, squalificati nel 2017. Moretta: “Faremo ricorso, via subito le bandiere”

 1
Il momento in cui il fantino dei Patin intralcia l'asino della Moretta favorendo il compagno di Borgo

PALIO DEGLI ASINI Niente revoca, il Palio degli Asini rimane a Patin e Tesor. Il Borgo vincitore del palio viene riconosciuto oggettivamente colpevole e quindi non potrà partecipare alla Giostra 2017.

Squalifica a vita che era nell’aria, solamente confermata, per l’autore della scorrettezza ai danni del fantino del borgo Moretta, Massimo Bravo, fratello del vincitore, autore di un vero e proprio placcaggio ai danni dell’asino della Moretta, immortalato in decine di foto e video.

Il Consiglio della Giostra delle cento torri ha reso noto nelle scorse ore l’esito della votazione confermando il parere  della Giuria del Palio che ieri sera, giovedì 6 ottobre si era espressa con 12 voti a favore di Patin e 5 contrari. Un esito  confermato dal Consiglio con 6 voti a favore di Patin, 3 contrari e 2 astenuti.

Il Presidente della Giostra Alberto Cirio commenta: «E’ stato applicato alla lettera il regolamento che prevede che la responsabilità ricada sul fantino Massimo Bravo che è stato squalificato a vita. Visto che i membri del consiglio ritengono gravissimo il gesto hanno deciso di squalificare Patin e Tesor nel Palio 2017. Ritengo che nel complesso sia stata presa una decisione giusta»

Silvestro, questa sera togliamo le bandiere. All’inaugurazione della Fiera non ci saremo

«Questo è sempre più il Palio della vergogna: da una parte si riconosce la colpevolezza dei Patin e dall’altra manca il coraggio di punire chi ha commesso un’irregolarità», spiega a Gazzetta amareggiato il presidente del Borgo Moretta che aggiunge: «Questa decisione è molto pericolosa perché dà via libera a qualsiasi tipo di scorrettezza e a questo punto ho timore di quello che potrà succedere nei prossimi palii».

Il presidente del Borgo Moretta conferma i provvedimenti annunciati alla vigilia: «Questa sera togliamo tutte le nostre bandiere. Non parteciperemo all’inaugurazione della Fiera», i primi passi immediati seguiti da altri più eclatanti: «Nei prossimi giorni presenteremo ricorso all’Enpa Ente Nazionale protezione animali e faremo ricorso per illecito sportivo. Vogliamo andare in fondo a questa questione perché pensiamo sia stata commessa una grave ingiustizia».

Marcello Pasquero

 

Banner Gazzetta d'Alba