E tu come ti muovi in città?

L’Amministrazione vuole potenziare il Piedibus

CIRCOLAZIONE “Come ti muovi?”, è questo il titolo della nuova campagna di comunicazione sul tema della mobilità sostenibile, per incentivare i cittadini a mettere in atto delle buone pratiche di trasporto compatibili con l’ambiente. Buone pratiche presentate in una conferenza stampa con, nelle vesti di relatori, il vicesindaco di Alba, Elena Di Liddo, l’assessore ai trasporti e alla mobilità, Rosanna Martini, e il presidente del consorzio Granda bus Clemente Galleano.

<EM>Come ti muovi? è anche il titolo che campeggia sull’opuscolo realizzato per tutti gli scolari albesi. La mascotte: un simpatico Martin pescatore, che presenta in dettaglio tutte le possibilità di muoversi in modo rispettoso per l’ambiente.

«Alba può vantare ben tre percorsi Piedibus per gli alunni della scuola primaria (scuola Sacco, Rodari e Coppino), oltre a 34 chilometri di pista ciclabile, di cui 21 nell’area urbana. Infine ci sono i bus urbani, per cui abbiamo promosso tariffe estremamente vantaggiose», ha spiegato l’assessore Martini, che ha aggiunto: «La campagna sulla mobilità sostenibile ha come target sia gli studenti, che devono raggiungere la propria scuola, che i genitori, che li accompagnano. Vogliamo far sapere che esistono delle alternative molto più sostenibili dell’automobile».

Tra le novità introdotte Gazzetta ha ampiamente trattato il tema delle agevolazioni per l’utilizzo dei bus urbani per pensionati (22,5 euro l’anno) e giovani da 18 a 25 anni (20 euro al mese) oltre all’ampliamento degli sgravi per le famiglie con Isee fino a 14mila euro.

Tra le innovazioni proposte durante la conferenza stampa: l’introduzione della figura del mobility manager all’interno delle scuole, scelto tra i genitori o gli insegnanti. Una figura che sarà punto di riferimento per chi necessita di informazioni, ma anche un referente all’interno delle scuole per il Municipio.

Bus urbani, piste ciclabili su asfalto e sterrato e la possibilità dal primo gennaio 2017 di raggiungere Torino Porta Susa con treni elettrici per una città che punta a sconfiggere l’inquinamento. Numerose le domande del pubblico.

Condivisa la richiesta di un unico biglietto per i bus della provincia di Cuneo, obiettivo nell’agenda del presidente del consorzio Granda bus Clemente Galleano. Decisa la risposta dell’assessore Martini a chi ha chiesto se siano previste nuove piste ciclabili in città: «Al momento non rientra tra le nostre priorità».

m.p

Banner Gazzetta d'Alba