La famiglia Ghigo dona un’ambulanza medicalizzata alla Croce rossa di Bra

La famiglia Ghigo dona un’ambulanza medicalizzata alla Croce rossa di Bra

BRA Una nuova ambulanza medicalizzata, dotata di attrezzature tecniche di prim’ordine. È quella che è stata donata domenica 30 ottobre dalla famiglia Ghigo di Bandito alla sezione braidese della Croce rossa italiana.
I titolari della Dicaf, impresa attiva nel settore della torrefazione del caffè, hanno infatti deciso di fare questa donazione per onorare la memoria del figlio Federico, prematuramente scomparso qualche anno fa.
I denari raccolti – anche grazie alla fondazione che porta il nome del ragazzo, creata da Sabrina Bolognesi, fidanzata del giovane imprenditore scomparso – hanno permesso di acquistare un mezzo di ultima generazione, interamente attrezzato. Il mezzo ha un costo di circa 100mila euro.
Commenta il presidente della sezione braidese della Croce rossa italiana Giuseppe Palmieri: «È con grande piacere che abbiamo ricevuto questa importante donazione, che va ad arricchire il nostro ampio parco mezzi per gli interventi di soccorso. Sono davvero grato alla famiglia Ghigo per la generosità dimostrata».

v.m.

Banner Gazzetta d'Alba