Baldissero: due Sinti denunciati per truffa ai danni di una pensionata

Truffa su case vacanza ad Alba e Cuneo

SOMMARIVA PERNO I carabinieri della stazione di Sommariva Perno, guidati dal maresciallo Francesco Mandaglio, hanno denunciato alla Procura della repubblica di Asti due uomini ritenuti responsabili di una truffa ai danni di una pensionata di Baldissero.

La donna è stata seguita fino a casa dai due malviventi, entrambi nomadi di etnia sinti, a bordo di un’utilitaria di colore grigio.

I due uomini sono riusciti a conquistare la fiducia della signora spacciandosi per tecnici dell’acquedotto intenti a verificare la qualità dell’acqua. In questo modo i malviventi sono entrati nell’abitazione e l’hanno invitata ad aprire i rubinetti in diverse stanze per verificare, a loro dire, che l’acqua potabile non fosse contaminata da presunte sostanze dannose per la salute.

E’ partita in questo modo la truffa con i malviventi che le hanno chiesto del denaro per bonificare l’acqua e sottraendo, dopo aver distratto la donna, 150 euro dal portafoglio. Ottenuto quanto volevano i due si sono dileguati rapidamente, a bordo dell’utilitaria grigia.

La donna, una pensionata di 65 anni, resasi conto di essere stata ingannata, si è rivolta ai carabinieri di Sommariva Perno che hanno raccolto la sua denuncia.

Avviate le indagini, grazie alle dettagliate informazioni raccolte e alle immagini registrate dalla videosorveglianza del Comune di Baldissero, è stato possibile risalire all’automobile usata dai truffatori. Prendendo in esame le persone che potevano essere collegate a quell’auto, i militari hanno identificato M. B. 39 anni, originario di Alba e residente al campo nomadi di Carmagnola e F. C. S., 26 anni, residente ad Asti. Entrambi sono pluripregiudicati, con a carico diversi reati per truffa e furto.

Le indagini dei carabinieri della Compagnia di Bra e della Stazione di Sommariva Perno proseguono per verificare se altri reati analoghi verificatisi in zona nello stesso periodo possano essere riconducibili ai due nomadi indagati.

Banner Gazzetta d'Alba