Corso Italia cambierà volto entro quest’estate

Corso Italia cambierà  volto entro quest’estate

DAL COMUNE Un milione e 200mila euro di opere pubbliche in partenza ad Alba tra interventi previsti nel piano triennale e apertura di spazi finanziari. Sarà una primavera calda sul fronte cantieri.  La Regione apre spazi finanziari per manutenzione sugli edifici scolastici. Non si tratta di contributi, ma della possibilità di spendere fondi già a disposizione del Municipio, prima bloccati dal Patto di stabilità e poi dalla legge sul pareggio di bilancio. Soldi che il Comune ha e potrà spendere da subito.

Il primo intervento riguarderà il secondo lotto di lavori nell’ex mattatoio di corso Michele Coppino 40, dove, da settembre 2016 sono ospitate le aule del Centro provinciale per l’istruzione degli adulti di Alba, Bra e Mondovì. L’edificio, costruito nei primi anni del Novecento, necessitava di una vasta opera di restauro e potrebbe diventare il punto di riferimento per le associazioni albesi. Il primo lotto prevedeva il rifacimento della copertura e la sostituzione dei serramenti e quindi l’efficientamento energetico, la realizzazione di pavimenti in Pvc e l’allestimento di alcune classi. Il secondo lotto permetterà di completare i lavori di realizzazione di aule e laboratori per un costo di 236mila euro comprensivi di un contributo di 70mila euro della fondazione Crc.

Il secondo cantiere a partire, da maggio, con l’obiettivo di completare i lavori entro la ripresa delle lezioni, sarà il più oneroso per l’Amministrazione con un costo di 250mila euro e riguarderà la scuola dell’infanzia Pollicino di via Rio Misureto. L’edificio su cui da tempo genitori e insegnanti chiedono interventi sarà efficientato con la sostituzione dei coppi in luogo di una copertura ad alto potere isolante e dei serramenti vetusti con moderne finestre e porte con camere d’aria. Completerà l’intervento il rifacimento dell’ingresso della struttura.

Il terzo e ultimo cantiere, reso possibile dall’apertura di spazi finanziari, sarà quello della palestra della scuola media Macrino per un costo di 98mila euro. Sull’edificio di corso Europa sarà realizzato, nel periodo di sospensione delle lezioni, un cappotto per l’efficientamento energetico.

«Si tratta di tre cantieri attesi che partiranno e permetteranno di recuperare spazi per la collettività», commenta il sindaco Maurizio Marello.

Oltre ai tre citati, Alba si prepara a una piccola invasione di cantieri. Il primo intervento in avvio sarà la sistemazione delle facciate del complesso della Maddalena sulle piazze Falcone e Borsellino con l’apertura di un varco su piazza Falcone oltre alla posa di due servizi igienici. Il restauro, che avrà una forte valenza turistica, costerà 130mila euro comprensivi di un contributo di 40mila euro. «Questo intervento sarà possibile anche grazie alla fondazione Crc, che finanzierà parte dell’opera. Mettiamo a nuovo uno dei luoghi più amati dagli albesi e dai turisti», prosegue Marello.

E, poi, l’opera più importante tra quelle in avvio, ma anche la più lontana, come annuncia il sindaco: «Il cantiere che aprirà a maggio per concludersi in estate ridisegnerà corso Italia e costerà 260mila euro». Nell’area saranno risistemati i parcheggi: «Venendo incontro alle richieste dei residenti saranno disegnate aree di sosta ben distinte. Saranno rifatti i marciapiedi e ci siamo presi un po’ di tempo in più per pensare anche a una ciclabile», aggiunge Marello, che con la sua Giunta punta a fare di corso Italia, come già avvenuto in alcuni tratti di corso Europa, una zona a velocità massima 30 km/h, per dare priorità a pedoni e ciclisti.

Con gli eventuali ribassi d’asta potrebbero poi essere completati i lavori in via San Paolo attesi da tempo.

Marcello Pasquero

Banner Gazzetta d'Alba