Con la processione dell’Addolorata Bra si avvicina alla Settimana santa

Bra: prestiti a tasso zero per abbellire i negozi

BRA Venerdì 7 aprile per la Bra cristiana c’è un grande appuntamento di fede, animato dall’arciconfraternita della Misericordia, meglio conosciuta come quella “dei Battuti neri”, che proporrà la processione dell’Addolorata, come preparazione alla Settimana santa.

L’arciconfraternita della Misericordia festeggia e celebra la sua patrona, la Beata Vergine Addolorata, la cui statua è venerata nella chiesa della confraternita fin dal 1700.

Quella dei Battuti neri è, in ordine di tempo, l’ultima confraternita istituita nella città e a essa si iscrissero subito i membri delle famiglie dominanti, che erano già membri dell’altra confraternita braidese, quella della Santissima trinità, più conosciuta come quella dei Battuti bianchi, forse perché erano venuti in contrasto con i reggenti di quella compagnia. Verso il XVIII secolo, la confraternita annoverò tra i membri i futuri fondatori del Monte di pietà di Bra, da cui nel 1842 ebbe origine la Cassa di risparmio di Bra. Ma l’opera dell’Arciconfraternita, che nel frattempo era protetta direttamente da casa Savoia, si indirizzava verso il sociale: soprattutto nell’assistenza ai condannati a morte.

La partenza è prevista alle 20.30 dalla chiesa della confraternita di San Giovanni Decollato, con i Battuti neri che sfileranno in processione accompagnati dall’altra confraternita braidese, quella della Santissima Trinità. Seguiranno il clero braidese, i vari gruppi ecclesiali e i fedeli.

Per chi è impegnato nella processione (confratelli, chierichetti, clero) l’appuntamento è per le 20 in chiesa. Presiede la processione e la Messa che seguirà il Vescovo di Ivrea, Mons. Aldo Cerrato.

In preparazione della Pasqua, liturgia penitenziale a Madonna dei fiori

Giovedì 6 aprile, alle 21, nella cripta sotto il nuovo Santuario della Madonna dei fiori ci sarà una liturgia penitenziale con possibilità di accostarsi al sacramento della confessione per prepararsi alla Pasqua.

Lino Ferrero

Banner Gazzetta d'Alba