Primarie Pd: si vota domenica

Rinnovo dei direttivi di quartiere, un ultimo appello per candidarsi

ALBA Manca poco alle primarie del Partito democratico. Dopo la consultazione interna ai circoli, la parola passa ai cittadini, che domenica 30 aprile potranno recarsi alle urne per eleggere il prossimo segretario nazionale, scegliendo tra Matteo Renzi, Andrea Orlando e Michele Emiliano, oltre a votare per le liste dei candidati all’Assemblea nazionale.

A inizio aprile, gli iscritti al partito si sono espressi in modo chiaro: il premier uscente è risultato in testa con il 66% dei voti, seguito dal 25% dell’attuale ministro della giustizia. Netto il distacco da Emiliano, presidente della Regione Puglia, che si è fermato all’8%. Diverso il quadro emerso dal circolo Alba/Roddi, che ha visto primeggiare Orlando con il 59,5% delle preferenze. A determinare il vincitore sarà dunque la consultazione popolare, aperta a tutti i cittadini italiani con età superiore a 16 anni e ai cittadini dell’Unione europea e di altri Paesi residenti in Italia. A tal proposito, per chi non è iscritto alle liste elettorali (giovani con meno di 18 anni e stranieri), era obbligatorio registrarsi nei giorni scorsi sul sito www.primariepd2017.it.

Tutti, poi, dovranno presentarsi alle urne con un documento di identità, la tessera elettorale o la registrazione on-line. Chi non è iscritto al Pd dovrà versare 2 euro.

Ad Alba si voterà nella Casa del volontariato di corso Europa 45, aperta dalle 8 alle 20. Potranno recarsi in questo seggio anche i residenti di altri Comuni: Barbaresco, Neive, Neviglie, Roddi, Treiso, Corneliano, Guarene, Monticello, Piobesi, Camo, Castiglione Tinella, Mango, Trezzo Tinella, Magliano Alfieri, Govone, Priocca, Castagnito, Castellinaldo, Canale e Vezza.

A Bra dove il Pd conta circa 140 iscritti, il seggio sarà presso le Scuole maschili di via Marconi e si voterà dalle 8 alle 20. Sotto la Zizzola il grande favorito è  Renzi che nell’assemblea degli iscritti aveva ottenuto circa il 70 % dei consensi.

Gli altri seggi in zona sono a: Cortemilia, sede Pd di via Cavour 7; Cherasco, Museo Adriani via Ospedale 40; Ceresole,  Sala comunale di via Regina Margherita; Dogliani,  ufficio turistico di piazza Umberto I;  Diano, ex caserma di via Umberto I.

E se il timore sembra essere la scarsa affluenza, Marta Giovannini, membro del comitato provinciale che sostiene Renzi, rivolge un appello: «A causa del fine settimana festivo, non ci aspettiamo la partecipazione delle primarie del 2013. Invito tutti i cittadini dell’Albese a votare per Renzi». E prosegue: «Oggi è fondamentale sostenere l’ex premier, per completare le riforme intraprese. Durante il suo Governo, ha ottenuto grandi risultati, dall’occupazione alla riduzione delle tasse, sfruttando le potenzialità del Paese: dobbiamo avere fiducia nel futuro».

Tra i candidati della lista cuneese per l’Assemblea nazionale che sostiene Orlando, c’è l’assessore all’ambiente di Alba Massimo Scavino: «Scegliendo Orlando come segretario, potremo mettere al centro dell’agenda politica la lotta alle diseguaglianze e contribuire alla costruzione di un centrosinistra aperto. Vogliamo un partito che torni a essere una comunità di persone, strumento di selezione della classe dirigente e luogo di elaborazione culturale e politica, per ridare voce a quanti hanno creduto nel progetto originario del Pd: il 30 aprile sarà una festa democratica».

 

Banner Gazzetta d'Alba