Un milione di euro subito per mettere al sicuro le rampe della tangenziale

Per evitare un'altra Fossano il comune di Alba stanzia 700.000 euro per lo svincolo della tangenziale

L’INTERVENTO Le due rampe della tangenziale albese richiamano recenti storie di provenienza nazionale: vicende che parlano di crolli e dell’assai carente manutenzione delle infrastrutture, delle potenziali vittime, dei rischi legati all’incuria e al degrado. Per evitare simili accadimenti il sindaco Maurizio Marello decide di pensare a lungo termine. Due gli interventi in calendario, il cui progetto di fattibilità tecnica ed economica è stato approvato il 12 maggio con una delibera di Giunta.

Ha spiegato l’assessore ai lavori pubblici Alberto Gatto: «Lo svincolo Sud-ovest della città si collega alla strada provinciale 3 bis con due rampe: la Rb (all’entrata in Alba arrivando da Asti, realizzata negli anni ’80, con un costo complessivo di 730mila euro) e la rampa Rc (in uscita dalla città nella direzione Bra-Roddi, realizzata negli anni 1985-89 per un costo di 491mila euro). In seguito al rilevamento di diverse criticità sulle parti strutturali, abbiamo contattato la ditta Seteco di Genova – altamente specializzata nel settore delle costruzioni stradali –, che si è resa disponibile a effettuare lo studio di consistenza in tempi brevissimi».

L’analisi ha riscontrato molte criticità, sebbene non gravi al punto da compromettere strutturalmente le rampe. Ancora Gatto: «Dovremo comunque sostituire i giunti di dilatazione, realizzare una nuova pavimentazione in asfalto con bitume rinforzato, riparare i pilastri e intervenire sui cassoni metallici. Infine si procederà al risanamento e alla verniciatura delle parti metalliche, al ripristino delle grondaie e all’adeguamento delle barriere stradali alle normative». Operazioni che peseranno sulle casse pubbliche per circa un milione di euro, di cui 690mila per la strada in entrata ad Alba, i cui lavori sono iniziati proprio nei giorni scorsi.

m.g.

Banner Gazzetta d'Alba