Gazzetta trionfa nella sfida dei giornalisti a Pescara del Tronto

Gazzetta trionfa nella sfida dei giornalisti a Pescara del Tronto

MEETING Si è appena concluso il quarto  Meeting dei giornalisti cattolici e non di Grottammare, che ha coinvolto oltre 200 operatori della comunicazione provenienti da ogni parte d’Italia.

Il Meeting è stata una interessante quattro giorni di convegni, relatori, ore e ore di dibattiti e laboratori, ma è impossibile non partire dal silenzio surreale di Pescara del Tronto, dove nulla è mutato dal 24 agosto 2016.

Monsignor Giovanni d’Ercole, vescovo di Ascoli Piceno, uno dei relatori,  avverte: «Non è possibile rimanere indifferenti», ed è così perché nessuna immagine, nessuna ripresa televisiva, nessun drone, può descrivere il vuoto che si prova nel trovarsi di fronte a ciò che resta di Pescara del Tronto, dove sono morti 47 dei 135 abitanti della frazione di Arquata.

Nel numero di Gazzetta d’Alba in edicola da oggi, 4 luglio, i tre giorni a Grottammare, nei quali si è sviluppato il tema “Tutto nel mondo è connesso”.

Per il terzo anno consecutivo Gazzetta d’Alba trionfa

Nel concorso legato al Meeting, Gazzetta d’Alba, dopo aver trionfato nel 2015 e 2016 per il miglior servizio giornalistico, si è aggiudicata questa volta il riconoscimento per il miglior portale, con www.gazzettadalba.it, sito premiato «per la cura della grafica e la puntualità dei contenuti».

Grande la soddisfazione per i collaboratori presenti Marcello Pasquero e Alessia Alloesio. Il premio, un quadro realizzato dall’artista marchigiano Patrizio Moscardelli che prende il nome dal titolo del meeting “Tutto nel mondo è intimamente connesso” è stato consegnato dal pittore stesso. Gazzetta è l’unica testata tra le oltre duecento della Federazione italiana della stampa cattolica ad aver ricevuto tre premi nelle quattro edizioni del Meeting internazionale di Grottammare.

«Il riconoscimento va a un grande lavoro di squadra, che ha visto il giornale emergere a livello nazionale sia sulla carta che on-line», ha detto il condirettore Maria Grazia Olivero, mentre il direttore don Giusto Truglia si è complimentato con tutta la redazione, i collaboratori, i grafici e con Marcello Pasquero, artefici del nuovo successo.

 

g.a.

 

Banner Gazzetta d'Alba