Il Palio degli asini tornerà in piazza Cagnasso

Il Palio degli asini tornerà in piazza Cagnasso

LA NOVITÀ La memoria – o chiamiamoli semplicemente ricordi – è ciò che di più prezioso custodiamo in noi stessi. A volte il pensiero ne sfiora uno e si torna indietro nel tempo, così come spesso avviene durante il riconoscersi in una fotografia, magari un po’ sgranata e logora ai bordi, ingiallita dagli anni. Trovarsi riempie sempre di emozione: è una testimonianza di ciò che si è vissuto o un momento diventato per noi immortale.

Quest’anno i fotografi che scatteranno al Palio degli asini di domenica primo ottobre e alla sfilata dovranno essere preparati alla novità, perché cogliendo un viso, un costume, una scena provata e riprovata dai figuranti volontari dei borghi, potranno immortalare un cambio epocale.

Non sarà infatti come per gli anni scorsi, perché nel cinquantesimo anniversario della nascita della Giostra delle cento torri, Alba tornerà a correre il suo palio in piazza Cagnasso, come è stato per molto tempo in passato. Così si mischieranno di nuovo i colori dei costumi, i visi si sovrapporranno per vedere ciò che accade nell’arena, si saluterà con entusiasmo chiunque e si sorriderà nell’obiettivo di qualsiasi macchina fotografica perché, chi lo sa? «Domani potremmo riconoscerci».

Forse sarà uno spazio più piccolo (rispetto a piazza Medford), ma certamente una disposizione più “calda”, più accogliente, più familiare agli occhi e più vivace per chi vuole sentire il calore storico e la passione dei nove borghi che si sfideranno la prima domenica di ottobre nella gran kermesse. E, oltre a questa scelta, tanti saranno i momenti legati al compleanno bianco-rosso. Ma non è ancora giunta l’ora di svelare alcunché.

Possiamo solo dire che in ogni appuntamento, dal capitolo all’investitura del podestà, dal palio al baccanale, le sorprese non mancheranno. Saranno cinquant’anni intessuti nei ricordi e nelle immagini per la Giostra delle cento torri.

Cinzia Grande

Banner Gazzetta d'Alba