Là dove il tartufo si impara. Si inaugura, a Vezza, la tartufaia didattica

Là dove il tartufo si impara. Si inaugura, a Vezza, la tartufaia didattica

VEZZA È molto più che un progetto comunale, la tartufaia didattica che verrà inaugurata domenica 16 luglio. È una dichiarazione di impegno: per l’ambiente, per la tutela delle piante tartufigene, per la condivisione di un mondo, quello del tartufo, che non è solo economia, ma anche gesti antichi, legame con gli animali, rispetto della terra e di ciò che offre.

Un impegno nel quale Vezza ha trovato alleati preziosi negli operai forestali della Regione, nei tecnici dell’Ipla
(Istituto per le piante da legno e l’ambiente), nei cantonieri e nei volontari, nelle associazioni dei trifolao. Grazie alla loro azione corale e all’ultimo contributo regionale, la tartufaia si veste di ufficialità ed è pronta a ospitare ricerche simulate, gare con i cani e molte altre attività didattiche, per i turisti, ma anche a beneficio delle scuole della zona.

Un’area invitante e curata, quella di località Valtesio, di facile accesso dalla provinciale 929, che si collega al Sentiero del trifolao ed è popolata da piante tartufigene: querce, pioppi, tigli e salici. «La piccola casetta di legno rappresenta il punto di accoglienza per i visitatori e i turisti. Con i contributi ottenuti, sono stati acquistati bagni chimici e installato un contatore elettrico. Nel prossimo anno», assicura il sindaco Carla Bonino, «ci sarà anche l’acqua».

Là dove il tartufo si impara. Si inaugura, a Vezza, la tartufaia didattica 1

Il programma della giornata è ricco: a partire dalle 8 fino alle 12, gara con ricerca per cani da tartufo, al termine della quale verranno assegnati premi per tutti i partecipanti. Alle 12.30 intitolazione della tartufaia ad Andrea Rossano, per poi godersi aperitivo e grigliata all’ombra delle piante tartufigene. Il pomeriggio sarà allietato da musica folkloristica roerina.

E con la speranza che Roma accolga la domanda presentata dal Comune e la 37ª Fiera regionale del tartufo di Vezza venga “promossa” a rilevanza nazionale, nella tartufaia didattica fioriranno eventi, che comporranno un interessante percorso di attesa dell’evento di novembre.

Nicolas Roncea

Banner Gazzetta d'Alba