Sette denunce dopo i controlli a dieci case d’appuntamento

ALBA Nei giorni scorsi i Carabinieri della Compagnia di Alba, con un dispiegamento di 15 militari,  hanno controllato dieci case di appuntamenti e hanno denunciato sette persone, nel corso di un servizio finalizzato al contrasto del reato dello sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione

Sette denunce dopo i controlli a dieci case d’appuntamento
Foto di repertorio

Un cittadino italiano residente in città è stato denunciato per spaccio di sostanze stupefacenti (5 grammi di hashish e sei spinelli pronti per essere venduti) subito dopo essere uscito da una casa occupata da una “escort”.

Due donne di nazionalità domenicana sono state denunciate per favoreggiamento della prostituzione poiché ritenute responsabili di favorire il meretricio di una loro connazionale attraverso il pagamento del canone di affitto dell’abitazione e delle utenze telefoniche.

Una donna albese è stata denunciata per favoreggiamento all’immigrazione clandestina agevolava la locazione di immobili a immigrati clandestini e prostitute cinesi e brasiliane.

Altri due clienti di alcune prostitute, trovati in possesso di un coltello a serramanico e di un cutter,  sono stati denunciati dai carabinieri per porto abusivo di armi.

Infine militari hanno denunciato un cittadino macedone che durante un posto di controllo ha fornito generalità false. L’uomo è stato trattenuto in caserma per la sua corretta identificazione per poi venire espulso dal territorio nazionale.

 

Banner Gazzetta d'Alba