Balla coi cinghiali: arrestato un senegalese con 160 grammi di Marijuana e 10 grammi di Cocaina

Balla coi cinghiali: arrestato un senegalese con 160 grammi di Marijuana
Controlli balla coi cinghiali

VINADIO Controlli straordinari dei 30 carabinieri delle stazioni dipendenti e del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Borgo San Dalmazzo, in occasione del festival “Balla coi cinghiali” dello scorso weekend a Vinadio.

Il primo fermato è stato G.A.A., 37enne di origini senegalesi è stato fermato da agenti in borghese sulla corriera che collega Vinadio a Cuneo. Grazie anche alla presenza delle unità cinofile antidroga di Volpiano, l’uomo è stato perquisito e addosso gli sono stati rinvenuti, nonostante fossero celati all’interno di un sacco a pelo, ed avvolti nel “caffè” (per ingannare l’olfatto dei cani), quattro involucri contenenti complessivamente 160 grammi di Marijuana e 10 grammi di Cocaina, quest’ultima occultata all’interno di una delle scarpe.

Il senegalese, sprovvisto di documenti di identificazione e di soggiorno, è stato arrestato per “detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente” e successivamente rinchiuso nella casa circondariale di Cuneo.

Gli ulteriori controlli hanno portato

-alla denuncia in stato di libertà di un cittadino pakistano, resosi responsabile di mancata esibizione di documenti di identificazione e di permesso di soggiorno;

– a segnalare 40 giovani, tutti maggiorenni e provenienti da varie località del Nord Italia, “quali assuntori di sostanze stupefacenti”, sequestrando complessivamente 100 grammi di marijuana, 2 grammi di cocaina e 13 grammi di hashish;

– alla denuncia di due persone per guida in stato di ebbrezza alcolica (entrambi con valori superiori a 0,90 mlg) determinata attraverso apparato etilometro.

I controlli capillari su strada, sia con militari in divisa e sia in abiti simulati, hanno avuto inizio nel pomeriggio di giovedì 24 con l’attivazione di un primo “filtro” a Demonte per controllare auto e zaini di decine di persone, e sono terminati all’alba di domenica 27 quando anche gli ultimi campeggiatori hanno abbandonato l’area predisposta.

Non sono da escludere, al termine degli accertamenti, altre denunce per reati correlati alla cessione e spaccio di stupefacenti.

Banner Gazzetta d'Alba