Sequestrate piante di marijuana a Demonte e Revello

Prosegue l’attività di contrasto al traffico di stupefacenti da parte dei Carabinieri del Comando provinciale.

Nei giorni scorsi hanno arrestato in flagranza di reato un marocchino residente a Cuneo, ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Durante un servizio di controllo i Carabinieri notavano l’uomo che  gettava qualcosa in un’aiuola. Si trattava di  alcuni grammi di  hashish. La successiva perquisizione  portava al rinvenimento di oltre 8 grammi della stessa sostanza, 90 euro in contanti e 23 dosi di “rivotril”, uno psicofarmaco che, associato all’alcool, produce effetti simili a quelli dell’eroina. Nella casa dell’uomo veniva rinvenuta ulteriore sostanza stupefacente, quindi il giovane  veniva dichiarato in arresto.

A Demonte  i militari  hanno denunciato in stato di libertà per coltivazione e detenzione illecita di sostanza stupefacente e per detenzione illegale di arma un uomo di origini cubane dopo aver scoperto una piccola piantagione di cannabis, celata trail mais coltivato in un orto di pertinenza dell’uomo. Nell’abitazione dell’indagato sono stati rinvenuti due involucri contenenti semi di  marijuana e una carabina a molla detenuta illegalmente.

Sequestrate piante di marijuana a Demonte  e Revello

Anche a Saluzzo i Carabinieri hanno denunciato in stato di libertà un giovane poco più che ventenne, per coltivazione e detenzione illecita di sostanza stupefacente che ogni giorno si recava in una zona boscosa per   irrigare tre piante di marijuana. Presso l’abitazione dell’indagato, venivano inoltre rinvenuti circa 80 grammi di  hashish, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento.

I Carabinieri di Revello, invece, hanno deferito in stato di libertà un giovane del luogo responsabile di due furti in attività commerciale, avvenuti alla fine di luglio, quando di notte e in due distinte occasioni si introduceva all’interno di una ditta di Revello  impossessandosi di materiale vario. Il giovane dovrà rispondere del delitto di furto aggravato.

Banner Gazzetta d'Alba