Arrestato l’imprenditore del settore editoriale Vittorio Farina

Nell'Azienda sanitaria di Alba e Bra un veterinario per gli allevamenti

TORINO È di questa mattina, giovedì 14 settembre, la notizia dell’arresto dell’imprenditore Vittorio Farina, 62 anni, ex amministratore unico della Bei Ilte, la società di Moncalieri che stampava le Pagine Gialle dichiarata fallita nel 2016. Farina era stato uno dei potenziali acquirenti di Rotoalba, la stamperia di via Liberazione ad Alba per il cui fallimento, poco più di un anno fa, era finito in carcere l’imprenditore Guido Veneziani, che l’aveva acquistata a sua volta, nel 2012, dalla Karl Rauch Verlag Gmbh & Co. Veneziani era stato arrestato per bancarotta fraudolenta su disposizione del sostituto procuratore del tribunale di Asti, Laura Deodato.

Bilanci non corrispondenti alla realtà

Tra le accuse mosse ora a Farina ci sarebbe  quella di avere venduto lo stabilimento produttivo della società, a Moncalieri, e di avere utilizzato il ricavato, 60 milioni di euro, per finalità estranee agli interessi dell’impresa. Rapporti commerciali e finanziari tra Farina e Veneziani c’erano già stati in passato e sono stati allacciati anche recentemente quando Farina aveva rilevato alcune testate settimanali del gruppo Gve.  L’amministratore avrebbe anche predisposto, secondo l’accusa, bilanci di esercizio non corrispondenti alla realtà dei fatti societari.

r.g.

Banner Gazzetta d'Alba