La città riscatta dall’Enel altri 540 lampioni e li trasformerà a luce led

Supermercato alla Moretta:  la decisione slitta a settembre

AMMINISTRAZIONE I led consentono di ridurre l’inquinamento atmosferico e luminoso, d’abbassare le emissioni di anidride carbonica nell’aria, più risparmio e meno manutenzione: una tecnologia che il Comune ha già applicato in oltre cinquemila punti luce cittadini, identificandola come strategia prioritaria per una città orientata verso un’identità ecosostenibile. Con la delibera di Giunta approvata il primo settembre, i led verranno applicati ad altri 540 punti luce aggiuntivi, oggi di proprietà di Enel Sole  e funzionanti ancora con il vecchio sistema elettrico.

Come spiega l’assessore ai lavori pubblici, Alberto Gatto, «nei prossimi giorni partirà la procedura di riscatto degli impianti, che diventeranno di proprietà comunale. La gestione sarà quindi affidata a un’azienda esterna, selezionata con una gara d’appalto. La ditta si occuperà dei lavori di riqualificazione. Questo “cambiamento” consentirà alle casse del Comune un risparmio di circa ventimila euro all’anno, grazie sia al miglioramento dal punto di vista energetico che alla minore necessità di manutenzione. Senza dimenticare che l’operazione consentirà l’installazione di led in aree centrali della città – come corso Cortemilia, alcune traverse di corso Langhe e corso Piave – attualmente sprovviste della tecnologia».

m.v.

Banner Gazzetta d'Alba