L’omaggio di Castino al re della fisarmonica Michele Corino

L’omaggio di Castino al re della fisarmonica Michele Corino

CASTINO L’Amministrazione comunale, guidata dal sindaco Enrico Paroldo, ha inaugurato nei giorni scorsi nella piazza del Peso un pannello commemorativo in memoria del maestro Michele Corino, uno dei più grandi fisarmonicisti al mondo, cittadino onorario di Castino. La cerimonia si è svolta alla presenza della moglie Linda e dei suoi familiari. Il vicesindaco Giovanni Smorgon ha ricordato la figura di Michele Corino, nato a Castino il 27 aprile del 1918 e morto nella sua casa di San Francisco il 2 gennaio del 2017.

Corino, in Italia, ha fatto la storia dell’Eiar (l’odierna Rai) e della formazione musicale che per alcuni decenni ne ha rappresentato l’indiscusso vertice artistico: l’orchestra diretta dal maestro Angelini. Risale al 1940 il suo più grande successo, Fisarmonica impazzita, brano che lo ha reso famoso in tutto il mondo.

A settant’anni di distanza da quel 1947 che segnò la sua partenza per l’America, le ceneri di Michele Corino sono ritornate a Castino. È toccato all’allievo e amico Massimo Favo, al termine della Messa, eseguire alcune sue composizioni. I resti del maestro Corino sono stati tumulati nella tomba di famiglia, nel cimitero di Castino.

Fabio Gallina

 

Banner Gazzetta d'Alba