Musica e nuove tecnologie a Carrù con il Bam fest

Musica e nuove tecnologie a Carrù con il Bam fest
Musica e nuove tecnologie a Carrù con il Bam fest
Il logo del Bam fest

MUSICA Nella serata di domani, martedì 12 settembre, il castello di Carrù ospiterà uno spettacolo che unisce storia e futuro, sostenuto dalla Banca Alpi Marittime. Si tratterà di un viaggio che parte dal 1899, anno di fondazione della banca, per arrivare ai giorni nostri. A fare da filo conduttore della serata, lo sviluppo e l’evoluzione dell’istituto di credito con una narrazione accompagnata dall’Orchestra Baravalle, che interpreterà brani celebri e simbolo dell’epoca nella quale furono composti. Tra questi: Mamma mia dammi cento lire per l’emigrazione d’inizio ‘900, Mille lire al mese per la voglia di benessere che seguì la crisi del ’29, Bella Ciao per la Resistenza, l’ironia di Che bambola del leggendario Fred Buscaglione per le suggestioni americane del dopoguerra, Volare per gli anni spensierati del boom, La Locomotiva per le contestazioni degli anni ’70, Felicità per gli anni ’80 dell’effimero, fino a brani contemporanei.

Amplificazione audio con le onde luminose

Il concerto si ascolterà, in anteprima, tramite un sistema di amplificazione audio via luce. Una tecnologia che permette la trasmissione di audio e dati attraverso le onde luminose, una straordinaria rivoluzione nel campo delle trasmissioni wireless inventata da Alessandro Pasquali e messa a punto dalla smart company Slux, sostenuta dalla Banca Alpi Marittime, che userà la nuova tecnologia per far fruire ai visitatori la quadreria ospitata nella sala del consiglio dell’istituto di credito.

Banner Gazzetta d'Alba