Sfiȓosmià. Scopriamo cosa significa, con l’aiuto di Paolo Tibaldi

Paolo Tibaldi ci racconta aneddoti le

ABITARE IL PIEMONTESE

Sfiȓosmià: Esausto, stravolto, irriconoscibile, privo di fisionomia umana

Sfisonomià, Dësfiȓosmià, Dësfusmià. Insomma, le sfumature variano di bricco in bricco, ma la sostanza è universale. Quando ci si mette di buona lena, con la più fervida intenzione e i migliori propositi a svolgere un’attività fisica che non si è pronti ad affrontare, sia essa lavorativa o sportiva, si arriverà al termine per inerzia, ammesso che ci si arrivi, talvolta perdendo il controllo del proprio corpo o della muscolatura facciale, ridotta ad una smorfia esausta, indecorosa, disumana, letteralmente con la lingua di fuori.

Così anche le dichiarazioni che si faranno ai compari ,non appena terminata l’esperienza e in attesa di recuperare un po’ di fiato, saranno colorite ed estreme: “nu peuss pì” (non ce la faccio più), “son s-ciopà” (sono scoppiato, in senso figurato), “pìjme na cadȓega” (prendimi una sedia), “deme mach da bèive” (datemi da bere).

È proprio a questa condizione psico-fisica che si riferisce la parola di oggi: sfiȓosmià, con tutte le sue accezioni, indica nient’altro che una condizione assoluta di affaticamento che, quando riferita a persone, queste ultime non lesinano a paragonarsi ad animali da lavoro (muli, asini, cavalli, buoi). La mancanza di una fisionomia credibile, i famosi “pomin ross”, il sudore grondante, i capelli spettinati e una respirazione faticosa, sono quindi i requisiti per individuare il livello di stravolgimento della persona stessa.

E così anche il nostro scrittore Beppe Fenoglio, tra un neologismo, un’anacoluto anglofono e un calco linguistico piemontese, nel racconto “Vecchio Blister”, ripropone la parola di questa settimana facendola italiana. Nel monologo del Partigiano Blister, infatti, mentre quest’ultimo sta cercando di discolparsi con i colleghi per un’azione svolta in maniera indegna, pronuncia la frase “Si capisce che io avevo una faccia un po’ sfisonomiata, ma non credo che fosse una faccia cattiva.”.

Paolo Tibaldi

Banner Gazzetta d'Alba