Tornano dal Baccanale e fanno tiro a segno con lo specchio parabolico

16 patenti ritirate nel weekend. Ad Alba fermata una donna con tasso sei volte oltre il consentito

CRONACA Un sabato sera di eccessi è finito con un paio di colpi di pistola sparati contro uno specchio parabolico stradale e una denuncia per i due cittadini italiani autori della “genialata”.

Tornando dal Baccanale del tartufo, i due hanno pensato di allenarsi al tiro a segno utilizzando uno specchio parabolico stradale posto vicino casa, a Govone, e un fucile calibro 9. L’arma è stata sequestrata e i due deferiti alla procura della Repubblica di Asti con le accuse di danneggiamento, esplosione di colpi e detenzione abusiva di armi.

Ma i due italiani non sono i soli ad essere finiti nei guai durante il fine settimana. Un quarantaquattrenne italiano, pluripregiudicato, è stato denunciato perché i militari hanno trovato un coltello a serramanico nascosto in un vano portaoggetti della sua auto.

Due cittadini marocchini, invece, sono stati fermati presso un supermercato del centro, da cui avevano cercato di portare via, senza pagarli, alcolici per un valore di 140 euro, che sono stati poi restituiti al punto vendita.

Nelle serate di sabato e domenica molti sono stati i controlli di polizia finalizzati al contrasto alla guida sotto effetto di alcool e droghe. I carabinieri hanno ritirato 6  patenti ad altrettanti automobilisti che guidavano sotto l’effetto di stupefacenti od ottenebrati dall’alcool.  Due  ragazzi e una ragazza, trovati in possesso  di cocaina, eroina, Lsd, hashish e marjuana, sono stati segnalati  alla Prefettura di Cuneo in qualità di tossicodipendenti.  La loro auto è stata posta sotto sequestro come gli stupefacenti che possedevano.

Banner Gazzetta d'Alba