Sei anni di reclusione per tentato omicidio. Arrestato un albese

Arrestato giovane doglianese accusato di due rapine a mano armata

ALBA È giunta nei giorni scorsi la sentenza definitiva a sei anni e due mesi di reclusione per un cittadino albese, nato nel 1980, che era stato accusato di tentato omicidio per aver aggredito con un bastone un uomo di origine calabrese, nato nel 1961 e residente a Piobesi.

I fatti all’origine del processo giudiziario e poi della condanna definitiva sono avvenuti nell’aprile del 2015: i due uomini hanno litigato per futili motivi e il più anziano è stato colpito ripetutamente con un bastone dal più giovane, quindi quando è riuscito a fuggire con la sua auto è stato inseguito dall’albese e la calma è stata ripristinata dopo ripetuti speronamento the soltanto dall’arrivo di una aliquota del 112 .

La vittima ne uscì con lesioni ed ematomi su tutto il corpo, mentre il cittadino albese venne prima deferito in stato di libertà e poi, circa un mese dopo, tratto in arresto a seguito dell’emissione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere con l’accusa di tentato omicidio e porto abusivo di armi.

Nella mattina di  martedì 13 febbraio, in seguito all’emissione da parte del Tribunale di Asti della sentenza definitiva pari a sei anni due mesi di reclusione, l’uomo è stato nuovamente arrestato dai militari della Stazione albese per l’esecuzione della pena disposta dal Tribunale di Asti.

v.p.

 

Banner Gazzetta d'Alba