Integrazione, un incontro con Bruno Bruna e Marco Bertoluzzo

Integrazione, un incontro con Bruno Bruna e Marco Bertoluzzo

ALBA
«È importante analizzare le dinamiche di immigrazione ed emigrazione, i moti che hanno portato ad esempio gli italiani a emigrare in altri Paesi e poi, negli anni ’60, dal Sud al Nord del Paese. Ogni volta che il processo di integrazione – quella reale – accadeva, la cultura che giungeva in un luogo portava qualcosa di proprio, di prezioso, meticciando la cultura locale dal punto di vista linguistico, gastronomico, commerciale, artistico», parole di Marco Bertoluzzo sulle radici e la mobilità che ha da sempre contraddistinto le popolazioni.

Il tema sarà discusso insieme al pubblico dal direttore del consorzio socio-assistenziale Alba Langhe e Roero lunedì 12 marzo alle 21 nella sala Vittorio Riolfo, all’interno del cortile della Maddalena, con Bruno Bruna, dirigente dell’istituto comprensivo quartiere Moretta. Organizzato dall’associazione culturale Ithaca nell’ambito del programma “1968-2018: cinquant’anni di trasformazioni nella vita culturale, sociale, economica e politica”, la conferenza – intitolata “La lunga strada dell’integrazione” – introduce un tema complesso e urgente in un panorama sociale teso.

Prosegue Bertoluzzo: «Il concetto di integrazione assume un significato particolare, delicato, in un quadro sociopolitico dominato da paura e diffidenza. Le persone sono insicure, perciò tendono ad esempio a sovrastimare i reati commessi da immigrati o comunque a identificare nello straniero una minaccia. Analizzeremo queste dinamiche e come la lotta per il raggiungimento dell’integrazione appaia un elemento fondamentale per la nostra collettività, oggi più che mai».

m.v.

Banner Gazzetta d'Alba