Teatro degli acerbi a Castagnole Lanze con In lingua madre

Teatro degli acerbi  a Castagnole Lanze  con In lingua madre

 

FESTIVAL Paesaggi e oltre, il festival organizzato dal Teatro degli acerbi di Asti nei paesi della Comunità collinare tra Langa e Monferrato, proseguirà domenica 5 agosto alle 17.30 a Castagnole delle Lanze, nei cortili del centro storico, con In lingua madre, spettacolo concepito come omaggio itinerante a musica, poesia e teatro in piemontese. Vi prenderanno parte Fabio Fassio, Elena Romano, Stefano Stival, Francesco Visconti, accompagnati dalle atmosfere musicali di Ricky Avataneo e Simona Colonna.

La passeggiata avrà come tappe principali la confraternita dei Battuti bianchi, la chiesa parrocchiale di San Pietro, ma gli interventi teatrali si snoderanno lungo tutto il percorso. Il ritrovo è previsto sotto i portici colorati di via Ener Bettica, per una percorrenza di circa due ore.

Il piemontese sarà l’oggetto del pomeriggio nelle sue declinazioni artistiche, dalla musica popolare interpretata da Colonna e Avataneo, ai testi letti dagli attori: le poesie di Pinin Pacot e Buronzo, i monologhi di Carlo Artuffo, il Travet di Bersezio, i testi di Brofferio e Costantino Nigra.

In lingua madre nelle intenzioni non vuole essere un semplice amarcord in lingua piemontese, ma la riscoperta di una musicalità che si sta perdendo. La conclusione, alle 20 alla Torre Ballada di Saint Robert, sarà con una degustazione guidata dalla Bottega del vino di Castagnole. la partecipazione è gratuita.

La rassegna ospiterà poi il Teatro necessario (9 agosto, Montegrosso d’Asti) e il narratore Roberto Anglisani (25 agosto, Coazzolo), per una lettura narrata tratta dal romanzo di Joseph Roth Giobbe. Completeranno il cartellone appuntamenti con attori e musicisti in omaggi ai luoghi: il chitarrista flamenco Livio Gianola accompagnerà le letture di Luca Radaelli dal Don Chisciotte della Mancia e da altre opere di Cervantes (15 agosto, San Michele di Costigliole d’Asti). Ed infine uno spettacolo per i bambini con il teatro di figura del Dottor Bostik (21 agosto, Montegrosso).

Banner Gazzetta d'Alba